E' una settimana importante per la Roma di Rudi Garcia, chiamata a dare seguito alla bella vittoria conquistata a spese della Fiorentina e a soli tre giorni dal ritrovare il palcoscenico più importante d'Europa, la Champions League. Il tecnico francese ha più volte dichiarato di pensare ad un impegno per volta, anche se le sue scelte di formazione non potranno che essere inevitabilmente condizionate dagli impegni ravvicinati. Dal canto suo il tecnico di Nemours ha l'opportunità di scegliere tra una rosa di primissimo livello arricchita in estate da un ottima strategia di mercato attuata dalla società e dal saggio Sabatini. Andiamo insieme a vedere le possibili scelte di formazione per la trasferta di Empoli: in porta dovrebbe trovare posto l'ottimo De Sanctis, reduce dalla strepitosa prestazione contro i viola di Montella.

La linea difensiva potrebbe parlare greco. Infatti sugli esterni dovrebbero giocare Torosidis e Holebas, quest'ultimo sarebbe preferito a Cole che dovrebbe essere schierato nell'esordio di Champions League contro i russi del CSKA Mosca. Al centro il neo acquisto Manolas sarà guidato dal compagno di reparto Castan all'esordio stagionale. La cerniera di centrocampo sarà composta da De Rossi, squalificato per mercoledì, Pjanic e Nainggolan che ha segnato la prima rete ufficiale dei giallorossi nella stagione 2014/15. Le chiavi dell'attacco saranno affidate a Mattia Destro affiancato dal genio di Ljajic sulla corsia di sinistra e Florenzi che dovrebbe garantire equilibrio al reparto.

L'impegno, sulla carta abbordabile per l'undici capitolino nasconde tuttavia molte insidie.

I migliori video del giorno

In primis la concentrazione che potrebbe essere minata dall'imminente storico rientro della Roma in Champions. Inoltre, l'Empoli è all'esordio stagionale in casa dopo la promozione dalla serie B pertanto le motivazioni e la voglia dell'undici di Sarri insieme al calore della propria tifoseria potrebbe essere un difficile scoglio per la Roma che statisticamente non ha una grande tradizione al Carlo Castellani.