La partita amichevole allo stadio di Duesseldorf tra Germania e Argentina finisce 2 a 4. Prima dell'inizio di partita davanti ai tifosi hanno dato l'addio alla nazionale l'ex capitano Philippe Lahm, Per Mertesacker e il capocannoniere storico della Germania e dei mondiali Miroslav Klose. Pesano le tante assenze per la Germania priva di Khedira, Schweinsteiger, Ozil, Gundogan, Hummels e Boateng e invece per Argentina pesanti le assenze di Messi e Garay.

È la Germania ad avere le migliori occasioni per aprire le marcature ma Mario Gomez attaccante della Fiorentina, convocato da Loew dopo l'assenza al mondiale a causa del lungo periodo di infortunio, si trova per tre volte davanti al portiere del Argentina Romero ma spreca l'impossibile confermando di non essere ancora al suo livello abituale degli anni precedenti.

L'Argentina alla prima occasione riesce a segnare grazie al solito Angel di Maria in splendida forma che riesce a servire un perfetto e calibrato cross di esterno all'attaccante Sergio Aguero che parte in posizione di leggero fuorigioco e insacca a due metri dal gigante portiere tedesco.

È la Germania ad avere il controllo della partita e gran parte del possesso di palla lo gestisce la formazione campione del mondo senza riuscire a concretizzare le tante occasioni create dai veloci attaccanti Reus e Schurrle. Alla fine del primo di tempo raddoppia la formazione vice campione del mondo grazie a un contropiede guidato sempre dal velocissimo Di Maria che riesce a pennellare un ottimo cross concluso in rete dall'ex romanista Lamela. Nel secondo tempo, nonostante sia la formazione di casa a fare la partita, sono sempre gli ospiti ad andare due volte in goal in cinque minuti con Fernandez e Di Maria.

I migliori video del giorno

Essendo un amichevole Loew mette in campo i giovani talenti della rosa e riesce ad accorciare le distanze con i goal di Schurlle e Gotze. Paragonarla a una vendetta per la finale persa al Maracanà è ridicolo visto il peso differente delle due partite, una valida per il titolo mondiale e un'altra per provare l'inserimento di qualche giovane del vivaio.