Si sono svolti a Nyon i sorteggi degli ottavi di Champions League 2014/15 e la prima impressione riguardo le scelte del pallottoliere Uefa, è che alla Juventus di Massimiliano Allegri poteva andare molto peggio. L'unica italiana rimasta in lizza nella corsa alla Coppa "dalle grandi orecchie" ha pescato i tedeschi del Borussia Dortmund e disputerà l'andata a Torino, in programma fra il 17, 18, 24 e 25 febbraio, mentre il ritorno si giocherà fra il 10, 11, 17 e 18 marzo 2015: il turno degli ottavi è stato "spalmato" anche quest'anno nell'arco di sei settimane per permettere agli ascolti tv di fare il pieno, soprattutto in termini economici. Spettacolo assicurato, insomma, anche perchè non mancheranno sfide di prestigio in questa edizione dell'ex Coppa dei Campioni.

Due i "remake" degli ottavi dell'anno scorso, con il Real Madrid di Carlo Ancelotti che affronterà lo Schalke di Roberto Di Matteo e il Manchester City di Pellegrini che se la vedrà invece con il temibile Barcellona targato Messi-Neymar-Suarez. Il Bayern Monaco, favorito dai bookmakers per alzare il trofeo a quota 4,00 nelle "antepost vincente", se la vedrà contro l'abbordabile Shakhtar Donetsk. Affascinante anche l'incontro fra il Paris SG di Zlatan Ibrahimovic e il Chelsea allenato da Mourinho, due squadre che possono fare affidamento su grandi calciatori, nonchè un assetto tattico di tutto rispetto. L'Atlético Madrid di Simeone non dovrebbe avere problemi a passare il turno contro i tedeschi del Bayer Leverkusen, inferiori sotto il profilo tecnico rispetto ai Colchoneros. Stesso discorso per l'Arsenal di Wenger, favorito sulla carta contro l'abbordabile Monaco, vera sorpresa della fase a gironi di quest'anno.

I migliori video del giorno

Chiude il programma di questi ottavi di finale l'equilibrata sfida fra il Basilea e il Porto, due compagini che possono contare su una buona esperienza in campo continentale. Una cosa è certa: la squadra che passerà il turno e affronterà ai quarti la vincente di quest'ultima partita, avrà tutte le carte in regola per qualificarsi fra le migliori quattro d'Europa.