La notizia più recente, quella che ha lasciato di stucco i tanti tifosi partenopei speranzosi di aver trovato un degno sostituto del Pipita Higuain, risale a pochi giorni fa e racconta di un grave infortunio al crociato per l'attacante polacco Arkadiusz Milik.

Nella storia del calcio, uno degli incubi peggiori per ogni calciatore è sempre stata la rottuta del crociato anteriore, uno dei più importanti legamenti del ginocchio. Sì perchè si sa, il ginocchio, insieme ai piedi, è uno dei migliori amici del calciatore, ma può diventare il peggior nemico, capace di interrompere (e talvolta rovinare) anche le carriere più floride.

A molti giocatori, in passato, è toccata la dura sorte del neo attaccante del Napoli. Il più famoso e tormentato per quanto riguarda la storia del calcio italiano è sicuramente il "Divin codino" Roberto Baggio. Il primo infortunio al legamento crociato anteriore lo subisce nel 1985, quando ancora in forze al Vicenza è costretto ad abbandonare per lungo tempo il campo. Passato alla Fiorentina, nel 1986, una nuova sciagura lo colpisce: a pochi giorni dall'esordio in Serie A con la maglia della Fiorentina, un nuova nuova brutta frattura del menisco lo costringe ad una nuova operazione e a privare ancora un po' i tifosi viola delle sue prodezze.

il suo calvario con i legamenti prosegue poi nel '94, con la maglia bianconera (rientrerà dopo 5 mesi) e nel 2002, al Brescia. I tifosi napoletani si tranquillizzino, nonostante i tanti infortuni, Baggiotornò sempre in campo pronto a stupire con le sue magie.

Un altro cui è toccata la triste tribolazione con i legamenti del ginocchio e che a causa di una serie di fratture multiple dovette poi abbandonare il calcio è stato Pierluigi Casiraghi, allora militante nel Chealsea di Gianluca Vialli.

Negli anni hanno avuto modo di disperarsi anche i tanti tifosi milanisti: nella stagione 1989-90, il "cigno di Utrecht" Marco Van Basten, è costretto ad uno stop di un paio di mesi a causa di problemi al ginocchio e si sottopone ad un'operazione al menisco.

Anche Redondo, nel 2000, appena giunto al Milan dal Real Madrid, in allenamento si frattura il legamento crociato anteriore del ginocchio destro; costretto a sottoporsi a ben tre operazioni complicatissime, esordirà con la maglia rossonera dopo due anni e mezzo di stop.

Per chiudere questo breve elenco di illustri infortunati, non possiamo tralasciare uno dei grandi fenomeni che hanno vestito la maglia nerazzurra dell' Inter: Ronaldo, che il 21 ottobre 1999 si procura unalesione al tendine rotuleo del ginocchio destro e rientrato ad aprile del 2000 si infortunia di nuovo, questa volta con la rottura totale del tendine rotuleo del ginocchio sinistro.

Tanti campioni, tanti infortuni, mai perdersi d'animo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto