La Juventus è ufficialmente campione d'Italia per la sesta volta consecutiva (traguardo raggiunto matematicamente con una giornata d'anticipo dopo il netto 3-0 in casa contro il Crotone), scrivendo un nuovo record nel panorama nazionale. Il 'doblete' (scudetto e Coppa Italia) è stato conquistato per la terza volta di fila, ma ora la testa è concentrata sull'obiettivo più importante dell'anno (la finale di Champions League di Cardiff del prossimo 3 giugno).

La Juve arriva a questo importante appuntamento dopo aver eliminato nella doppia semifinale il Monaco di Leonardo Jardim, trovandosi ora di fronte i campioni in carica del Real Madrid.

E' dal 1996 che la 'Vecchia Signora' non vince nel massimo torneo continentale (nel mitico incontro con l'Ajax vinto ai rigori all'Olimpico di Roma): questa è molto probabilmente la Juventus più forte di tutti i tempi. Per quanto riguarda il reparto offensivo infatti Allegri ha deciso da mesi di virare sul 4-2-3-1, potendo contare così contemporaneamente sul contributo e fantasia di Juan Cuadrado, Paulo Dybala, Mario Mandzukic (adattato come esterno ma non certo il suo ruolo naturale) e Gonzalo Higuain come unica punta. Allo stesso tempo la difesa è la più compatta d'Europa (i media inglesi hanno inoltre esaltato Leonardo Bonucci, definendolo il miglior centrale del mondo), con un Buffon in stato di grazia e serio candidato a vincere il prossimo Pallone d'Oro (Cristiano Ronaldo permettendo).

Nonostante la compagine bianconera sia di assoluto valore (e allo stesso livello delle corazzate europee come Bayern Monaco, Real Madrid e Barcellona), l'amministratore delegato Beppe Marotta e il ds Paratici non smettono di vagliare le più interessanti opportunità di mercato e consegnare a Max Allegri un organico sempre migliore.

La Juve non molla Keita

Secondo quanto riportato dalla redazione di 'Sky Sport', pare che la Juventus non abbandoni la pista che porta a Keita Baldé, esterno offensivo della Lazio con il contratto in scadenza nel 2018. Il giocatore spagnolo (di origine senegalese) vuole lasciare il club capitolino e i bianconeri hanno parlato anche con l'entourage del calciatore, ottenendo un netto vantaggio rispetto alle pretendenti (in particolare il Milan).

Visto che Mandzukic è corteggiato dal Besiktas (dove tornerebbe ad essere un dominatore dell'area di rigore), Keita rappresenta il trequartista esterno per il 4-2-3-1 del tecnico livornese.