L'Inter resta concentrata per non perdere di vista il primo obiettivo della stagione, ovvero un piazzamento in Champions League e tornare ai vertici europei. La dirigenza nerazzurra pianifica il mercato in vista di gennaio, in entrata e soprattutto in uscita, dove si cercherà di sfoltire la rosa per fare spazio ai nuovi acquisti. Luciano Spalletti, durante la conferenza stampa è stato chiaro: 'Non vendetemi Milan Skriniar'. Tra i giocatori in uscita figurava il giapponese Yuto nagatomo, ma visto il ritardo di adattamento di Dalbert, il mister ha deciso di bloccare la cessione.

Il giapponese sta ripagando l'allenatore con delle prestazioni sorprendenti.

Dalle critiche a uomo indispensabile

Il ds Piero Ausilio e il coordinatore Walter Sabatini sono concentrati sul Calciomercato invernale. Tanti nomi importanti sul tavolo della Beneamata: Ozil e Sanchez per l'attacco, e Vidal, Ramires, Mangala per quanto riguarda difesa e centrocampo. Durante la conferenza stampa alla vigilia di Verona-Inter, Luciano Spalletti ha fatto una chiara richiesta alla dirigenza, ovvero di non cedere nessuno, compreso Yuto Nagatomo. Il giapponese è stato spesso al centro delle critiche, ma quest'anno è diventato un titolare inamovibile degli 11 titolari del tecnico di Certaldo. Tra le cause del suo impiego, le difficoltà di Dalbert Henrique nel comprendere i meccanismi del campionato italiano.

Yuto Nagatomo è passato in breve tempo dalle critiche agli applausi, il suo futuro sarà ancora a Milano.

Anche Bergomi elogia Nagatomo, ma non solo

A parlare dell'attuale momento della squadra nerazzurra è l'ex bandiera dell'Inter Giuseppe Bergomi, che ai microfoni di Sky, durante la trasmissione 'Al Club', elogia gli uomini di Luciano Spalletti, tra cui Yuto Nagatomo, il giocatore che più di tutti ha conquistato la fiducia del mister: "L'Inter è l'unica squadra che ha fatto giocare meno giocatori.

Questo anche grazie alla mancanza delle partite di coppa. Contro la Sampdoria di Giampaolo, la squadra non ha avuto un calo fisico, ma ha sofferto il cambiamento degli avversari nel secondo tempo. A inizio partita è stato impressionante il piano tattico di mister Spalletti. L'Inter ha sofferto quando Giampaolo ha inserito giocatori rapidi.

Applausi alla difesa, Yuto Nagatomo e Danilo D'Ambrosio sono troppo forti, dico che sono i migliori". Queste le parole dell'ex bandiera e difensore dell'Inter.