Antonio Conte sta trovando non poche difficoltà in questa stagione sulla panchina del Chelsea, dopo aver vinto la Premier League lo scorso anno in scioltezza, dominando il campionato e sovvertendo tutti i pronostici che davano i Blues in lotta, sì e no, per un posto in Champions League.

Quest'anno, invece, la squadra non sta rendendo come il tecnico si aspettava e la capolista, il Manchester City, ha nove punti in più rispetto al club londinese, che è al quarto posto. Anche all'interno dello spogliatoio sembrano esserci degli screzi, in particolar modo con il centrale brasiliano, David Luiz, relegato in panchina nelle ultime partite.

In attacco è arrivato Alvaro Morata, ma il giocatore non sta incidendo come ci si aspettava, nonostante Conte lo avesse chiesto con grande forza al patron, Roman Abramovich. La vittoria di domenica contro il Manchester United per 1-0 sembra aver attutito leggermente le voci che volevano imminenti un divorzio tra le parti, tanto che si era parlato di un possibile interessamento anche del Milan.

Conte e l'Inter

Conte l'estate scorsa è stato molto vicino alla panchina dell'Inter, almeno stando ai rumors dei media in quel periodo. Il patron di Suning, Jindong Zhang, era pronto ad offrire un contratto da oltre dieci milioni di euro a stagione all'ex commissario tecnico della nazionale italiana che, però, alla fine ha deciso di restare a Londra e di rinnovare il proprio contratto con il Chelsea.

Dalla Spagna arrivano, intanto, importanti rumors di mercato che vogliono Conte pronto a dare l'assalto ad un giocatore dell'Inter. Il tecnico, infatti, stando a quanto riportato da El Gol Digital, avrebbe pronta un'offerta da oltre cento milioni di euro per portare in Inghilterra il centravanti argentino, Mauro Icardi, già a gennaio.

Il capitano nerazzurro sarebbe il rinforzo ideale per Conte visto che potrebbe essere schierato anche in Champions League o in Europa League dato che l'Inter è rimasta fuori quest'anno dalle competizioni europee.

Appare alquanto improbabile, comunque, che l'Inter possa privarsi di uno dei migliori elementi in rosa, insieme ad Ivan Perisic, a gennaio, con la stagione in corso e soprattutto con i nerazzurri che saranno sicuramente in lotta per un posto nella prossima Champions League, e magari anche per qualcosa in più.

Non sarà possibile esercitare neanche la clausola rescissoria (solo per l'estero da centodieci milioni di euro) visto che questa è valida solo nella sessione estiva di mercato, fino al 15 luglio.