Antonella Brunetti (38 anni), la volontaria che ha soccorso questo stupendo batuffolino nero ha dichiarato: "Il conducente non si è accorto della micia ed ha guidato per ore, al suo arrivo è stata salvata da un meccanico". Proprio così! Agata, una micetta con un coraggio da leone, ha fatto oltre 500 chilometri nel motore di un auto. Miagolava disperata e possiamo solo lontanamente immaginare la paura provata da questa cucciolina durante quel lungo tragitto da Catania fino a Brindisi. Sfortunatamente, Agata era rimasta incastrata nel motore e, fino alla fine del viaggio, era impossibilitata a liberarsi. La gattina, dopo la sua incredibile (dis)avventura, ha ricevuto le opportune visite e cure ed ora sta bene.

E' stata adottata dalla signora Anna Castagnanova, che è diventata la sua nuova "mamma". Provvidenziale l'intervento del signor Antonio D'Attis, il meccanico che ha dovuto smontare gran parte della vettura per liberare l'animaletto.  

Era un pò disidratata e con qualche bruciatura

Una volta liberata, la piccola Agata è stata trovata disidratata, con alcune bruciature sul corpo, è stata subito dissetata. La micetta ha solamente un mese e mezzo. Agata è apparsa subito spaesata ed un pò spaventata per la brutta esperienza vissuta, ha dichiarato Antonella: "Mi guardava con occhi impauriti". La signora Brunetti è referente dell'associazione animalista Aidaa di Brindisi. La donna è intervenuta dopo essere stata contattata da un suo concittadino, Luigi Castrignano (58 anni), lo stesso proprietario della vettura in cui era rimasta incastrata Agata.

I migliori video del giorno

Il signor Castrignano ha spiegato ad Antonella quale fosse il problema: era d'uopo intervenire urgentemente. Per fortuna il salvataggio è andato a buon fine.

Una storia a lieto fine, che fa però riflettere

Agata è stata chiamata così in onore della Santa protettrice di Catania, la città da cui è iniziato il suo viaggio. La gattina, probabilmente, si era intrufolata all'interno della vettura, per trovare rifugio. La micia è forse una delle tante vittime di abbandono, un fenomeno molto diffuso, soprattutto durante la stagione estiva.