Rinnovare l'abbonamento di WhatsApp o passare ad alternative free? È infatti ormai cosa nota che, dopo un anno di attivazione, WhatsApp richiede il pagamento di 0,89 centesimi per poter essere riutilizzata. Tuttavia, online è stato svelato il trucco per evitare di dover pagare questa seppur irrisoria cifra e rinnovare gratuitamente l'abbonamento di WhatsApp fino al 2022.

Grazie a questo ingegnoso sistema che fa leva su un "bug" dell'applicazione, WhatsApp può essere rinnovata gratuitamente fino al 2022.

In particolare, secondo le voci che circolano sul web, gli sviluppatori di WhatsApp non hanno alcun interesse a correggere il bug difettoso poiché riescono comunque ad ottenere i dati delle utenze e a rivenderli a fini commerciali.

Per rinnovare gratuitamente l'abbonamento di WhatsApp e stare tranquilli per un po' di anni (più precisamente fino al 2022) bastano meno di cinque minuti. Le operazioni da eseguire sono talmente semplici da replicare che non è necessario essere degli esperti in materia.

Ecco allora tutte le istruzioni punto per punto per procedere ed evitare di pagare gli 0,89 centesimi per il rinnovo annuale dell'abbonamento di WhatsApp.

Per prima cosa è necessario fare un backup dei messaggi presenti su WhatsApp, che consiste nel salvare una copia delle conversazioni effettuate via app. Per farlo, bisogna accedere a WhatsApp, cliccare su "Impostazioni" e successivamente sulla voce "Impostazioni chat".

A questo punto si apre un menù, in cui occorre spuntare la voce "Backup delle conversazioni". Una volta completate queste operazioni, bisogna attendere qualche minuto per consentire a WhatsApp di eseguire la copia di tutte le conversazioni del passato.

Il secondo step è disinstallare l'applicazione ed eliminare l'account WhatsApp dal proprio dispositivo mobile. Fatto questo, bisogna farsi prestare uno Smartphone sul quale non è mai stata scaricato WhatsApp e procedere con l'installazione dell'applicazione (in fase di registrazione va indicato il proprio numero di telefono, non quello del soggetto prestante).

A questo punto arriverà via SMS un codice di verifica, che dovrà essere inserito nel cellulare preso in prestito.

Dopo aver inserito il codice, occorre cancellare l'account WhatsApp "fittizio" dallo smartphone preso in prestito e disinstallare l'applicazione. Infine, bisogna installare nuovamente WhatsApp sul proprio telefono e registrarsi con il proprio numero di telefono.

Se avete seguito la procedura correttamente, dovreste trovarvi sotto la scritta voce "Info pagamento" (Impostazioni -> Account) un messaggio che indica che l'abbonamento a WhatsApp sarà disponibile fino al 2022.

Segui la pagina Smartphone
Segui
Segui la pagina Apple
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!