Tragedia ieri pomeriggio in Calabria, nella provincia di Reggio, a Monasterace. Una donna di 31 anni, Mary Cirillo, è stata uccisa violentemente dal marito con tre colpi di pistola alla testa in prossimità delle tempie. I vicini avrebbero sentito tutto, dalle urla della donna impaurita dal folle marito al rumore dello sparo che l'ha fatta stramazzare al suolo.

Le probabili cause del folle gesto

Probabilmente il tutto sarebbe stato scatenato da una lite tra i due coniugi. Mary infatti pare volesse lasciare il marito e andare via di casa ma lui di separazione non voleva proprio sentirne parlare.

Inoltre erano tanti i problemi economici a cui la coppia doveva far fronte. Alcuni compaesani riferiscono come i rapporti tra i due coniugi non erano molto floridi da tanto tempo. La donna possedeva anche un profilo sul social network Facebook dal quale si evince come era schierata contro la violenza sulle donne. Dopo aver freddato la moglie l'uomo si sarebbe allontanato a bordo dell'auto facendo scattare immediatamente l'allarme per la sua ricerca anche se l'uomo aveva già fatto perdere le sue tracce.

L'uomo avrebbe portato con se anche la pistola che ha utilizzato contro la moglie visto che l'arma non è stata ancora ritrovata. I quattro figli della coppia, di 10, 8, 5 e 2 anni, sono stati affidati ai nonni.

L'evolversi delle ricerche

La sua auto è stata intercettata stamattina a Guardavalle Marina, nei pressi della stazione ferroviaria. La macchina infatti risulta essere stata abbandonata lungo la strada statale 106 Jonica senza estrarre le chiavi.

All'interno della vettura è stato ritrovato anche il suo portafogli con bancomat e carta di credito. Elicottero, unità cinofile e i carabinieri dello squadrone cacciatori sono impegnati nella ricerca di Giuseppe Pilato. Gli investigatori hanno anche ipotizzato che l'uomo abbia intenzione di suicidarsi o che abbia voluto lasciare l'auto per poi fuggire in treno. Magari si tratta di un depistaggio o un rifugio da un conoscente.

Ancora nessuna pista può essere esclusa dalle indagini.

Segui la nostra pagina Facebook!