Dramma a Roma che si è consumato con un duplice omicidio. Tutto ciò si è verificato nel quartiere di Cinecittà, precisamente in via Quintivalle, dove un uomo, Mauro Micucci, verso le 18:00, ha accoltellato la moglie e l'amante di lei, uccidendoli, all'interno dell'ascensore di un edificio dell'Inps una volta arrivati al piano -1. Accecato dalla gelosia, si è scagliato con violenza sulle vittime colpendole diverse volte con un coltello. Sarebbero dieci le coltellate inflitte. L'uomo ha 56 anni ed è stato immediatamente arrestato dai carabinieri, che attualmente lo stanno sottoponendo ad un ferreo interrogatorio per chiarire la dinamica e le motivazioni di questi omicidi.

Secondo le prime indiscrezioni, sarebbe stato l'assassino stesso a chiamare il 112 ed a confessare di avere ucciso la moglie e l'amante di lei, riferendo l'indirizzo del luogo del delitto. Immediatamente sono arrivati i carabinieri sul luogo ed hanno trovato l'uomo ancora con il coltello sporco di sangue in mano. Purtroppo, però, non sono riusciti a soccorrere la moglie dell'assassino, Daniela Nenni di anni 49, ed il suo amante, Alessandro Santoni di anni 38, perché erano già deceduti. Non ci sarebbero testimoni del duplice omicidio.

L'uomo è stato subito arrestato e portato in caserma per essere interrogato. Ai carabinieri avrebbe dichiarato, secondo alcune fonti, di avere ucciso la moglie e l'amante perché si sentiva ossessionato da questa relazione e non era più in grado di continuare a sopportare tutto questo. In ogni modo, i carabinieri stanno cercando di capire se tra i due defunti ci fosse realmente una relazione sentimentale o se l'imputato, in realtà, mente.

Sarebbero in corso anche degli accertamenti sulla vita delle vittime e dell'assassino. L'omicida e la moglie erano colleghi di lavoro in quanto lavoravano entrambi nel palazzo dell'Inps, dove poi sono state uccisi. Erano dipendenti del servizio informatico ed avevano cinque figli, tra cui uno disabile. Anche il presunto amante lavorava in quell'edificio, ma come addetto alla manutenzione.

Segui la nostra pagina Facebook!