Non si ferma l'emergenza maltempo nell'Italia del Nord. La forte perturbazione che si è abbattuta sulle regioni centro - settentrionali continua a mietere vittime e stavolta la morte è arrivata in Toscana, dove due sorelle sono state travolte dall'esondazione del torrente Elsa, nella zona tra Albinia e Manciano, in provincia di Grosseto. Tutta l'area della Maremma è in ginocchio, sommersa dal fango causato dalle esondazioni dei torrenti e dei corsi d'acqua: critica la situazione alle Terme di Saturnia e ad Orbetello dove si è provveduto all'evacuazione delle persone nelle zone a maggior tasso di rischio. Le due sorelle rimaste sepolte dalla piena del fosso Sgrilla, un affluente dell'Elsa, si chiamavano Marisa e Graziella Carletti ed avevano rispettivamente 69 e 65 anni. Si trovavano a bordo della loro automobile, su una strada che percorreva un fondovalle, quando sono state sorprese dall'esondazione e drammaticamente travolte da acqua e fango. Per la forza d'urto che ha avuto la piena dello Sgrilla, la vettura delle due sorelle toscane è stata trascinata fino ad un campo completamente circondato dal fango e distante circa 70 metri dalla strada ed è stato molto difficile per i soccorritori riuscire a recuperare i corpi senza vita delle due donne.

Considerata la situazione di massima allerta, i vigili del fuoco hanno provveduto a numerosi salvataggi nella zona della Maremma. Nel corso della notte, è intervenuto anche un elicottero dell'Aeronautica Militare che, munito di un sistema di illuminazione all'avanguardia ha aiutato i soccorritori a scandagliare al meglio l'area colpita dall'alluvione e dalle esondazioni per individuare altre persone in difficoltà. Polemico l'intervento del sindaco di Manciano, Marco Galli, il quale ha dichiarato che l'avevano avvisato di un'allerta meteo moderata che sarebbe terminata intorno alle 18, e nessuno aveva fatto cenno all'eventualità di un'alluvione di siffatte proporzioni. Il primo cittadino ha fatto una ricognizione nel comune e ha riscontrato ingenti danni a edifici, strade e ponti. 

Segui la nostra pagina Facebook!