Indagati dalla Procura di Pisa, due medici, esattamente una donna ed un uomo, che avrebbero fatto dei giochi sessuali abbastanza pesanti, sia fra di loro che probabilmente anche con altre persone, utilizzando strumenti medici e chirurgici per le loro performance. La notizia, apparsa sul quotidiano toscano Il Tirreno in questi giorni ha riportato i dettagli di come le forze dell'ordine siano risalite a queste persone. La scoperta di questi cosiddetti"giochini" è stata fatta al momento del ritrovamento, di una chiavetta Usb, che si trovava all'interno della tasca di un camice da medico portato nella lavanderia per essere lavato.

Nella pennetta ritrovata che è stata esaminata, si trovavano alcune immagini di pratiche sessuali effettuate con strumenti chirurgici e presidi medici e foto di parti intime femminili, riprese in primo piano, alle quali erano stati applicati dei punti di sutura. La chiavetta è stata quindi portata presso la sede dei Carabinieri di Pisa e adesso si trova in mano degli agenti che, dopo alcune indagini e ricerche, sono finalmente risaliti ai proprietari ed esattamente alle due persone indiziate: si tratterebbe di un uomo di professione medico abitante a Pisa di 47enne ed una donna livornese, anch'essa un medico, di 40 anni.

I due indagati hanno dichiarato che le foto riguardavano solo la loro vita privata ed intima: un giochino nel quale non sarebbero state coinvolte altre persone.

Durante le perquisizioni fatte nelle abitazione dei due medici ed anche in un camper di proprietà di uno di loro, sono stati ritrovati computer portatili, altre foto, chiavette e oggetti usati per le pratiche sadomaso. Se le indagini portassero a scoprire che gli strumenti adoperati per queste pratiche provengono dalla Azienda sanitaria presso la quale i dottori prestano la loro attività lavorativa oppure da altri studi medici privati, scatterebbe anche un'altra accusa e cioè quella di peculato.

Intanto i due medici sarebbero stati allontanati dall'ospedale presso il quale lavorano in attesa di ulteriori sviluppi dell'indagine.

Segui la nostra pagina Facebook!