Si continua a porre l'attenzione sul caso della morte di Elena Ceste, la mamma di Costigliole d'Asti i cui resti sono stati ritrovati lo scorso ottobre. Una morte, quella di Elena Ceste, che sembra essere avvolta nel mistero, visto che a distanza di mesi non si riesce ancora a capire come la donna sia stata uccisa e soprattutto chi sia il colpevole di questo tremendo omicidio, che ha strappato per sempre Elena dai suoi quattro figli, di cui era innamoratissima.

Le ultime news di oggi 22 novembre ci riportano alla puntata di Quarto Grado di ieri sera, dove sono state fatte delle nuove ipotesi circa la morte della donna. In particolare, nel corso della diretta della trasmissione di Rete4, è emerso che gli inquirenti in queste ultime ore stanno cominciando a valutare la possibilità secondo cui Michele, che resta l'unica persona iscritta nel registro degli indagati, possa aver ucciso la moglie, strangolandola.

Elena Ceste, le ultime novità: Michele è il vero colpevole?

Dopo aver ucciso Elena, Michele poi avrebbe spogliato il corpo della donna, caricato in macchina e successivamente portato nei pressi del canale di scolo dove poi è stato ritrovato a distanza di diversi mesi. Per scoprire la verità sul caso della morte di Elena, bisognerà analizzare attentamente i dati dei tabulati telefonici di Michele, per scoprire se tra le 8.37 e le 9.06 Michele si trovava nei pressi del canale di scolo a pochi metri di distanza dalla sua abitazione, dove sono stati ritrovati i resi della moglie.

Le ultime news di oggi 22 novembre sul caso di Elena Ceste ci riportano anche al mistero di quella telefonata, che Michele la mattina della scomparsa fece prima ai suoi vicini di casa e poi successivamente ad Elena: perchè l'uomo non ha chiamato direttamente sua moglie per vedere dove si trovava? L'inviato del programma Quarto Grado, inoltre, ha confermato che qualche giorno fa i genitori di Elena e il fratello sono stati ascoltati per diverse ore dagli inquirenti, ma per il momento vi è il massimo riserbo su quanto è stato detto.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto