Qualche miglioramento sulla condizione di salute di Domenico Lombardo, il maestro di violino di 47 anni di Vibo Valentia in Calabria, gravemente ferito, due giorni fa, con una pistola calibro 7,65 dalla madre della sua allieva di 26 anni con cui aveva una relazione sentimentale da circa un anno. La donna era particolarmente scontenta della storia d'amore della figlia in quanto il docente è separato e con due figli, oltre alla differenza d'età. Il suo stato di salute, rimane comunque molto grave.

Pubblicità
Pubblicità

L'uomo è stato ricoverato all'ospedale di Palermo e i medici mantengono al momento una prognosi riservata. Intanto, la madre Caterina Cananzi, è stata arrestata per tentato omicidio. La donna ha sparato contro il maestro alcuni colpi di pistola ferendolo in parti vitali del corpo, come la testa e l'addome.

Il docente è impiegato al liceo musicale Vito Capialdi di Vibo Valentia e aveva una storia d'amore con una ragazza di 26 anni. Sua madre di cinquant'anni, esasperata dalla relazione e probabilmente essendone, per così dire, fortemente scontenta, ha impugnato una pistola calibro 7,65 ed ha sparato al maestro all'interno di un'aula del conservatorio Torrefranca.

La donna non approvava la scelta della figlia
La donna non approvava la scelta della figlia

La donna non approvava la scelta della figlia e probabilmente ha deciso di porre fine alla storia con un gesto davvero estremo.

Le pallottole hanno colpito il quarantasettenne al torace, al collo, all'addome e alla testa. Il ferimento si è verificato quando la ragazza aveva un incontro con l'uomo. Si è poi improvvisamente presentata la madre. Per fortuna, non ci sono stati altri feriti. La figlia di Caterina Cananzi studia pianoforte nello stesso conservatorio e si recava spesso nell'edificio per svolgere esercizi musicali.

Pubblicità

La relazione intrattenuta con il docente andava avanti da circa un anno ed era contrastata ripetutamente dalla madre perché l'uomo è separato e con due figli. Inoltre, c'è il fattore della differenza d'età. L'indagine è svolta dal pm della procura della Repubblica di Vibo Valentia Gabriella Di Lauro.

Clicca per leggere la news e guarda il video