Annuncio
Annuncio

Un vero e proprio colpo di scena quello che rischia di sconvolgere il famoso caso del delitto di Avetrana, che vide la tragica fine della povera Sarah Scazzi: a cinque anni di distanza da quel 26 agosto del 2010, nuove ed importanti novità potrebbero cambiare gli scenari del delitto. Come senz'altro saprete, la zia di Sarah, Cosima Serrano e la cugina della ragazza, Sabrina Misseri, si trovano in carcere essendo state condannate all'ergastolo quali responsabili dell'omicidio.

Nuova svolta clamorosa per il delitto di Avetrana

Vi abbiamo parlato, nelle scorse settimane, di Ivano Russo, il ragazzo che sarebbe diventato 'oggetto' di contesa delle due cugine: la sua posizione, infatti, si sarebbe improvvisamente aggravata in quanto gli inquirenti hanno scoperto che il giovane non ha raccontato la verità. Ivano Russo, però, non sarebbe l'unica persona che avrebbe mentito su quanto successo quel 26 agosto: i magistrati di Taranto, infatti, hanno deciso di avviare un procedimento parallelo che finirà per affiancare il processo per il delitto Sarah Scazzi. 

Ivano Russo rischierebbe fino a sei anni di carcere

Sarebbero ben dodici le persone che, attraverso false dichiarazioni e false testimonianze ai pm avrebbero reso ancora più difficoltose le indagini per scoprire chi uccise la povera quindicenne di Avetrana. Il procuratore aggiunto, Pietro Argentino, coadiuvato dal sostituto procuratore, Mariano Buccoliero, hanno provveduto a notificare dodici avvisi di garanzia per quella che è già stata ribattezzata come l'inchiesta 'Scazzi bis'. 
La posizione che, al momento, appare quella più delicata sarebbe proprio quella di Ivano Russo: contro il giovane, infatti, ci sono due testimonianze ritenute affidabili che sarebbero in grado di smontare il suo alibi per l'ora del delitto. Infatti, il ragazzo ha sempre dichiarato di trovarsi in casa a riposare, mentre esistono i presupposti per credere che tale ipotesi non corrisponda alla verità. In più, Ivano ha sempre negato qualsiasi storia sentimentale con Sabrina Misseri e con la stessa Sarah Scazzi, mentre, in realtà, il loro rapporto sarebbe andato al di là della semplice amicizia.