Gli Stati Uniti hanno emesso sanzioni su tre collaboratori stretti del presidente del Sud Sudan Salva Kiir Mayardit, affermando che i tre hanno personalmente beneficiato di un clima di corruzione per avvantaggiarsi. Il Dipartimento del Tesoro ha imposto sanzioni al Generale Malek Reuben Riak Rengu, al vice capo dell'esercito responsabile degli appalti militari e a Michael Makuei Lueth, ministro per l'informazione del Sud Sudan. Inoltre, sono state imposte sanzioni anche a Paul Malong Awan, capo dello staff dell'esercito popolare del Sud Sudan, licenziato dal presidente Kiir lo scorso maggio.

Il Dipartimento del Tesoro ha dichiarato che le sanzioni sono in risposta alla situazione umanitaria in Sud Sudan e al ruolo che i tre funzionari hanno avuto nel minare la stabilità e la pace. Sigal Mandelker, sottosegretario americano per il terrorismo afferma: “Queste azioni sono un chiaro messaggio a tutti coloro che si arricchiscono a scapito del popolo del Sud Sudan e non permetteremo loro minimamente di sfruttare il sistema finanziario statunitense per spostare e nascondere i proventi della loro corruzione”. Mandelker mostra il pugno duro sulle atrocità in corso nel paese africano puntando il dito contro tutti coloro che calpestano i diritti umani e cercano di far deragliare un già precario processo di pace e di riconciliazione tra le diverse fazioni in Sud Sudan.

La portavoce del Dipartimento di Stato Heather Nauert ha dichiarato in una dichiarazione che l'amministrazione di Trump esaminerà sempre di più i funzionari sud sudanesi. Le sanzioni sono venute dopo che Kiir si è incontrato nella capitale di Juba con un alto funzionario statunitense che ha sollevato preoccupazioni circa la violenza che abbraccia il Paese e i pericoli posti agli operatori umanitari che cercano di raggiungere la fame in mezzo a una guerra civile.

Mark Green, amministratore dell'Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale, ha detto che, durante un colloquio avvenuto nella capitale Juba, ha avvisato il presidente sudanese Kiir che l'amministrazione sta rivedendo la politica americana verso il Sud Sudan e ha sollevato preoccupazioni circa la violenza che abbraccia il Sud Sudan e i pericoli a cui sono soggetti gli operatori umanitari che cercano di raggiungere la fame in mezzo a una guerra civile.

Kiir ha respinto tutte le sue preoccupazioni rispedendo al mittente le velate minacce.

Il giorno successivo, dopo aver visitato le forze dell'ONU e delle chiese dove decine di migliaia di minoranze etniche hanno cercato protezione dalle forze governative che hanno saccheggiato le loro case e hanno ucciso persone, Green ha detto ai giornalisti che: “Il presidente Kiir dovrebbe visitare questi stessi luoghi per osservare e capire la verità in prima persona”.

Il Sud Sudan è uno dei paesi più poveri del mondo dopo che si è dichiarato indipendente dal Sudan nel 2011. Da allora, 2 milioni di civili sono stati sfollati e altri 2 milioni sono fuggiti come rifugiati nei paesi limitrofi (approfondimento).

Nel caos che colpisce il paese, 83 operatori umanitari sono stati uccisi, rendendolo il posto più pericoloso del mondo dove poter lavorare.

Segui la nostra pagina Facebook!