Un nuovo tragico caso, doppiamente sconvolgente perché sembra la copia di un fatto precedente avvenuto appena un mese fa, sempre a Roma. Giorgio Orsini, 54 anni, è morto sabato 22 aprile per una diagnosi sbagliata. Ne sono convinti i familiari e con loro la procura capitolina che ha avviato un'indagine per omicidio colposo. La stessa cosa è successa a Daniela Sabbatini deceduta lo scorso 20 marzo.

Queste due persone sono morte per un aneurisma all'aorta addominale non riconosciuto, scambiato per un banale mal di schiena. In particolare, a Daniela al Policlino Casilino avevano diagnosticato una lombosciatalgia. A Giorgio, all'Aurelia Hospital una dorsolombalgia provocata da un'ernia.

Soltanto 48 ore prima mandato a casa con diagnosi di ernia

Cosa è successo al 'gigante buono'? Tutti conoscevano e chiamavano affettuosamente così Giorgio Orsini, sposato, tre figli, macellaio in un supermercato del quartiere La Storta, periferia nord di Roma, che frequentava i circoli bocciofili della capitale in qualità di atleta assiduo partecipante alle gare.

L'uomo è morto sabato scorso all'ospedale San Filippo Neri di Roma. Era arrivato in condizioni gravissime. 48 prima, Orsini era stato in un altro ospedale capitolino, l'Aurelia Hospital perché si sentiva male: aveva fortissimi dolori alla schiena ma anche all'addome che gli impedivano di muoversi. Tant'è che lo aveva accompagnato in auto sua moglie Patrizia. Ad Orsini era stata fatta una lastra e diagnosticata una dorsolombalgia che sarebbe stata provocata, secondo chi l'ha visitato, da un'ernia del disco. Quindi gli era stato suggerito di farsi visitare da un chirurgo vertebrale e gli era stata somministrata una cura a base di morfina e cortisone.

Dopo 48 ore, le condizioni dell'uomo sono peggiorate: trasportato d'urgenza all'ospedale San Filippo non c'è stato più nulla da fare perché l'aorta ha ceduto. Ora la procura di Roma ha aperto un fascicolo: l'intento è quello di accertare eventuali responsabilità da parte dei medici che giovedì sorso in servizio all'Aurelia Hospital hanno sbagliato la diagnosi. Il reato ipotizzato è di omicidio colposo, ma per il momento non ci sono persone iscritte nel registro degli indagati. E' stata disposta l'autopsia sul corpo di Orsini i cui funerali si svolgeranno giovedì.

Il caso di Daniela Sabbatini

Proprio in questi giorni, i familiari hanno voluto rendere pubblica la tragica vicenda di Daniela Sabbatini, morta lo scorso 20 marzo per una diagnosi errata. Anche lei aveva un aneurisma all'aorta addominale, ma quando è andata al pronto soccorso del policlinico Casilino per farsi visitare, la sua grave patologia è stata scambiata per un semplice mal di schiena da curare con un antidolorifico ed è stata rimandata a casa.

I dolori alla schiena e alla gamba sinistra peggioravano, così il papà e la sorella hanno chiamato un'ambulanza ed è stata nuovamente portata in quell'ospedale. Dopo lunghi tempi d'attesa, un ricovero, altre diagnosi sbagliate, i medici ipotizzavano prima un'infezione e poi una meningite, quando finalmente è stata fatta la diagnosi esatta, era troppo tardi. Erano trascorsi due giorni dallo scatenarsi dei dolori, l'aorta aveva ceduto e la donna è morta.

Due storie identiche quelle di Giorgio e Daniela, due drammi che hanno gettato due famiglie, oltre che nella disperazione, nell'incredulità e che lasciano per il momento in sospeso una stessa domanda: se la diagnosi fosse stata tempestiva si sarebbero potuti salvare? Domande a cui dovranno dare una risposta le indagini in corso. In tutti e due i casi, la Regione ha chiesto alle Direzione sanitaria dell'Aurelia Hospital come del Policlinico Casilino, di effettuare un audit clinico in merito ai decessi per avere una relazione dettagliata sui tragici casi.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto