Un intenso sciame sismico sta interessando le pendici dell'Etna - il noto vulcano siciliano in provincia di Catania - da questa mattina, quando una prima scossa di Terremoto di magnitudo 2.7 della scala Richter con ipocentro a solo 2 chilometri di profondità ha colpito la zona prossima al cratere. Secondo i dati forniti dall'Ingv (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) almeno altre 13 scosse, pari o superiori a magnitudo 2.0, si sarebbero susseguite in rapida successione l'una dall'altra, senza ancora essersi esaurite.

Pubblicità
Pubblicità

Le più forti sarebbero state ampiamente avvertite dalla popolazione locale, abituata a tali fenomeni, spesso direttamente connessi all'attività vulcanica. Sarebbero, invece, oltre 130 le scosse, molte delle quali rilevate solo dalle strumentazioni.

Al momento non risulterebbero danni a cose o persone.

Sciame sismico in atto: l'epicentro degli eventi si sposta

Come avviene spesso durante uno sciame sismico, l'epicentro può tendere a spostarsi. Le prime 7 scosse di terremoto, di magnitudo compresa fra 2.5 e 3.1 della scala Richter, si sono verificate tutte fra i 10 e gli 11 chilometri ad ovest del comune di Milo.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Terremoto

Successivamente, alle 11,27 il primo evento più forte - di magnitudo 3.5 della scala Richter, si è verificato 5 chilometri a sudovest di Linguaglossa, qualche chilometro più a nordest rispetto ai primi eventi. Pochi secondi dopo mezzogiorno un altro evento ancora più forte, di magnitudo 3.9 della scala Richter, è stato registrato 13 chilometri a nord di Ragalna. Alle 12,12 e alle 12,26, due scosse superiori a magnitudo 3.0 si sono concentrate nella zona di Zafferana Etnea, più a sudest rispetto alle prime.

Pubblicità

E proprio qui, alle 13,08, si è verificata quello che finora è l'evento più forte, di magnitudo 4.0 della scala Richter, seguito poi da un evento di 3.4 alle 13,19 e uno di magnitudo 3.0 alle 13,31. Tutte le scosse sono state rilevate fra gli 0 e i 2 chilometri di profondità è sono strettamente connesse all'intensificazione dell'eruzione dell'Etna, che già ieri sera aveva dato spettacolo con le sue spettacolari fontane di lava.

La parola al vulcanologo Stefano Bracca

“Stamani è iniziato lo sciame sismico legato all’attività eruttiva del vulcano che sta determinando una nube di cenere abbastanza densa che rende difficile i rilevamenti dettagliati sulla situazione.

La situazione – chiarisce – è in fase di evoluzione continua, ma comunque tutto quello che sta succedendo sia come terremoti che come eruzione riguarda l’area summitale del vulcano.

In tarda mattinata si è aperta una fessura alla base del nuovo cratere di Sud Est, presumibilmente intorno ai 2900 m di altitudine, ed è in atto una colata di lava nel settore Occidentale della valle del Bove, quindi in una zona desertica.

Non si può prevedere cosa succederà nelle prossime ore, – conclude Branca – resta alta l’attenzione e il monitoraggio costante da parte degli esperti.”

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto