Una novità importante nel campo dolciario si affaccia nei nostri supermercati. L'azienda produttrice delle caramelle "Rossana", infatti, ha da poco lanciato un nuovo prodotto che si annuncia potenzialmente interessante: una crema spalmabile al gusto di latte e nocciola, proprio il ripieno delle note caramelle.

La crema spalmabile alla Rossana

L'azienda che attualmente produce le storiche caramelle Rossana, la Fida, ha deciso di lanciare sul mercato dolciario una propria crema spalmabile. L'intento è ovviamente quello di sfidare i colossi del mercato come la Nutella di Ferrero e i nuovi fenomeni emergenti, come la crema spalmabile dei Pan di Stelle.

Pubblicità

Per ora la distribuzione del nuovo prodotto è ancora agli inizi, limitata ai punti vendita Odstore. Il prodotto si presenta in un classico barattolo da crema, color oro e rosso. La crema invece è chiara, al gusto di latte e nocciola, lo stesso del ripieno delle caramelle Rossana.

Le celebre caramelle Rossana hanno avuto una storia controversa, sono state inventate nel 1926 dalla Perugina, il loro nome è ispirato alla celebre Roxanne, la donna della quale Cyrano de Bergerac era innamorato. Oggi potrebbero quindi reinventarsi e rivivere in una veste diversa grazie a questa crema spalmabile.

La storia delle caramelle Rossana

Per molti italiani le caramelle Rossana, con il loro gusto tipico e con la iconica carta rossa e dorata, sono un piacevole ricordo d'infanzia, proveniente dalle case delle zie e delle nonne.

Le Rossane sono state sotto l'egida Nesté-Perugina per oltre 30 anni, fino a che sono passate nelle mani di dell'azienda piemontese Fida che ha rilevato un pacchetto di prodotti dolciari dalla stessa Nestlé. Lo scopo dell'azienda italiana è quello di poter rilanciare un prodotto storico e tipicamente italiano, ricordiamo infatti che le Rossane sono le terze caramelle più vendute in Italia.

Pubblicità

L'operazione di Fida per ora sembra aver successo, visto che sotto la linea "1926" sta producendo anche i classici spicchi agli agrumi, le caramelle ripiene e le dure fondenti. Il bilancio dell'azienda piemontese è un successo, con 21 milioni di fatturato nel 2017 e con il 3,5% del mercato italiano delle caramelle.

Una storia italiana in controtendenza, nella quale il successo antico sembra in grado di resistere ai cambiamenti del tempo e del mercato. In questa storia si inserisce ora anche la crema spalmabile.

Vedremo se questo prodotto riuscirà ad avere il successo auspicato dall'azienda produttrice.