Ancora un incidente stradale nel siciliano: a perdere la vita stavolta è stata una ragazza delle provincia di Messina, Aurora De Domenico, che nella serata di ieri si stava recando in moto a una festa in compagnia di Alberto, il suo fratello maggiore. Per lei non c'è stato nulla da fare, il ragazzo, invece, non è in pericolo di vita.

L'impatto e i primi soccorsi

Doveva essere una serata all'insegna dell'allegria e della spensieratezza, ma, purtroppo, si è trasformata in una tragedia che difficilmente la famiglia De Domenico riuscirà a dimenticare.

Aurora e Alberto, due fratelli rispettivamente di 14 e 17 anni, si stavano recando in moto a una festa in direzione Torre Faro, quando, improvvisamente, hanno impattato frontalmente con un'automobile, che avrebbe tentato di effettuare un'inversione di marcia alquanto azzardata.

Lo scontro frontale è avvenuto ieri sera intorno alle ore 20.00, in Via Consolare Pompea a Messina. A impattare tra loro una Peugeot 206 e una Honda Cp 125 R, quest'ultima sbalzata contro un palo della luce situato a pochi metri di distanza.

I due fratelli sono finiti entrambi sull'asfalto, rendendo subito necessario l'intervento dei sanitari del 118, accorsi sul luogo del sinistro diversi minuti dopo. Alberto, ferito, è stato trasportato prontamente presso l'Ospedale Papardo, ma i traumi non sembrano essere di grave entità; le condizioni di Aurora, al contrario, sono apparse subito critiche. La quattordicenne è stata trasferita d'urgenza al Policlinico, ma un arresto cardiaco ha complicato ulteriormente il suo quadro clinico, causandone il decesso.

La dinamica dell'incidente e le indagini

Proseguono intanto le indagini che serviranno a determinare eventuali responsabilità del sinistro costato la vita alla ragazza di 14 anni: il sostituto procuratore Roberto La Speme ha aperto un'inchiesta atta a ricostruire con esattezza la dinamica dell'incidente, ma al momento vi è il massimo riserbo sulla questione.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Il conducente della Peugeot 206 è un ragazzo poco più che ventenne della provincia di Messina, miracolosamente illeso. Insieme al fratello della ragazza, è stato sottoposto agli esami tossicologici. Sequestrati, intanto, sia il ciclomotore sulla quale viaggiavano i due fratelli, che l'automobile. In attesa di ulteriori sviluppi, nel fascicolo in mano al p.m. sarà iscritto, come da prassi, il nome del guidatore dell'auto: il reato contestato è quello di omicidio stradale.

La salma di Aurora, che tra qualche giorno avrebbe festeggiato il suo quindicesimo compleanno, si trova attualmente nell'obitorio del Policlinico in attesa dell'autopsia, che servirà a determinare le cause del decesso, avvenuto (almeno secondo le prime ipotesi) per arresto cardiocircolatorio.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto