L’Esame di stato 2013 è ormai alle porte e la tanto temuta prova scritta, il tema di italiano, si svolgerà mercoledì 19 giugno, per la preoccupazione di studenti e famiglie.

Illustriamo di seguito alcuni consigli utilissimi per affrontare la prova di italiano dell’esame di Stato 2013.

Innanzitutto, la scelta tra le tre opzioni, ossia analisi del testo, saggio breve e tema di attualità sarà fondamentale più di quanto gli studenti possano pensare, perché molti candidati sono propensi a scegliere il tema di attualità perché più consono alla loro preparazione sugli avvenimenti più recenti, ma questa scelta cela delle insidie nascoste.

Infatti, lo studente che sceglierà di cimentarsi con il tema di attualità per la prova scritta dell’esame di Stato 2013 potrebbe trovarsi di fronte ad un preconcetto molto diffuso tra i componenti delle commissioni esaminatrici e cioè il ritenere che un candidato scelga il tema di attualità perché non in grado di affrontare le altre due opzioni, ossia l’analisi del testo ed il saggio breve, considerate molto più impegnative.

Dunque il primo consiglio valido per affrontare l’ostacolo della prova scritta dell’esame di stato 2013 è quello di scegliere il tema di attualità solo se veramente convinti e di non usare questa scelta come “scappatoia” perché la commissione in questo caso difficilmente vi premierà, anzi è molto probabile che vi penalizzerà.

Il secondo consiglio per gli studenti, nel caso si decida di affrontare l’analisi del testo, è quello di non commettere un errore molto diffuso, ossia dare un’interpretazione troppo personale e di istinto dell’opera, sia essa una poesia o una pittura, ma di fare sempre riferimento a fonti certe, ad opinioni consolidate, per non cadere in un eccesso di “protagonismo”.

I migliori video del giorno

Mettendo in atto questi semplici consigli, la prova scritta dell’esame di Stato 2013 risulterà sicuramente meno difficile per molti studenti.