Marco Mengoni è il ragazzo prefetto, proprio un ragazzo da sposare. È rimasto con i piedi per terra nonostante il grande successo, e tra un tour e l'altro sbriga le sue faccende domestiche come ad esempio caricare la lavatrice. Vincitore dell'ultimo festival di Sanremo con la canzone L'essenziale, sta adesso inanellando una serie di successi uno dietro l'altro. Il cantante ha infatti trionfato anche agli Mtv Awards 2013. Il successo però, secondo il ragazzo di Ronciglione, è un qualcosa che può essere molto effimero, deleterio quindi montarsi la testa.

Intervistato dai giornalisti de Il Tirreno Mengoni dice: "Sto caricando la lavatrice nei due giorni di pausa di questa lunga estate, tocca fare anche questo.

Devi nascere realista, e io per fortuna lo sono. Ben consapevole del momento storico schifoso che ci accompagna, tengo i piedi piantati in terra. Certo, rimango contentissimo dei risultati però nel nostro mondo, con tanti canali per sfondare, so che quest'anno sono sulla cresta e il prossimo potrei anche sparire. Ecco perché non mi monto la testa".

Il titolo della sua canzone si presta molto come descrizione della sua filosofia di vita, l'essenziale per Marco Mengoni è rimanere umili. Nell'ultima parte dell'intervista Mengoni ricorda gli inizia della sua carriera a X-Factor e afferma: "Non rinnego niente. Tuttora Sky sta facendo un buon lavoro con X- Factor, e così Fazio e la sua crew hanno reso splendido l'ultimo Sanremo. Se poi mi chiedi se la formula in sé sta tirando un po' la corda, allora ti dico è vero, si è calcato troppo la mano.

I migliori video del giorno

Nei palinsesti i talent nascono come funghi e rendono dispersivo il lavoro dei produttori. Più della ricerca dello spessore artistico, ha prevalso la macchina dei soldi. E così tante voci buone si perdono in fretta nel dimenticatoio".