Un'era del mondo dell'animazione si chiude. Lo storico Studio Ghibli , la fabbrica dei sogni fondata da Hayao Miyazaki, che dal 1985 ha realizzato film d'animazione indimenticabili, chiude i battenti: non produrrà più film. Rimarrà in vita solo la costola burocratica della società per la gestione dei diritti d'autore sulle opere realizzata da Miyazaki e il suo team, nessuna nuova produzione ci sarà più. L'annuncio è stato dato da Toshio Suzuki, amministratore della società. Lo scorso anno lo stesso Miyazaki aveva annunciato il suo ritiro alla Mostra del Cinema di Venezia, dove era stata presentata la sua ultima opera, il film " Si alza il vento".

Lo Studio Ghibli fu fondato nel 1985 dal grande regista insieme al suo collega Isao Takahata, i loro "anime" hanno contribuito in maniera determinante alla diffusione del genere fuori del Giappone, allargando la cerchia dei pochi appassionati a tutto il mondo. Nel 2003 Miyazaki è premio Oscar per il film " La città incantata", e nel 2005 alla Mostra del Cinema di Venezia ottiene il riconoscimento del Leone d'oro alla carriera. Il 2006 è l'anno di nascita del primogenito di casa Ghibli, " I racconti di Terramare. Gorō" . Lo Studio Ghibli è stato l'unico studio di registrazione del Giappone ad usare esclusivamente tecniche di disegno tradizionali per i suoi film, volendo così contrastare l'uso smisurato della grafica al computer. Il mio vicino Totoro, Porco Rosso, Princess Mononoke, Ponyo sulla scogliera, tra le opere più belle realizzate.

I migliori video del giorno

Le pesanti perdite sul fronte economico la causa della decisione di chiudere lo studio, malgrado Miyazaki, i suoi collaboratori e i loro lungometraggi siano diventati nel mondo delle vere e proprie icone, la forbice tra costi di produzione e incassi si era fatta difficile da gestire. Resta uno spiraglio, quello che si tratti solo di una riduzione dello Studio, un periodo di pausa in attesa di tempi migliori per tornare a produrre film. Questo non si può escludere, visto che una parte dello Studio Ghibli resta attiva. Che sia chiusura temporanea o definitiva comunque, sarà sufficiente a far sognare ancora generazioni di bambini e anche di adulti.