John Venn, filosofo, logico e matematico inglese (1834-1923) nasceva esattamente 180 anni fa e per una giornata sarà uno dei personaggi più celebri del mondo. Tutto grazie a Google che ha deciso di dedicargli un grazioso e interattivo doodle. John Venn è ricordato soprattutto per aver introdotto nella didattica della matematica i diagrammi tondeggianti, con cui gli studenti di tutto il mondo iniziano a familiarizzare a partire dalla teoria degli insiemi.

John Venn ebbe la grande intuizione di utilizzare l'associazione intuitiva tra diagrammi e insiemi per supportare gli studenti nel loro primo approccio alla logica matematica.

Tali diagrammi, detti appunto "di Venn", sono tuttavia elementi grafici fondamentali anche negli studi di logica, matematica, statistica e informatica. Essenzialmente per questo motivo Google ha deciso di onorare il matematico inglese con lo stupendo doodle di oggi.

Dopo gli studi a Cambridge, prese gli ordini sacerdotali per poi lasciare la Chiesa nel 1883 ed entrare nella Royal Society. Passò la maggior parte della sua vita a Cambridge, dove insegnò fino alla morte, avvenuta nel 1923. Oltre a molte altre opere e studi per cui è conosciuto da un pubblico più ristretto, John Venn deve gran parte della sua fama all'articolo, edito nel 1880, On the Diagrammatic and Mechanical Representation of Propositions and Reasonings. In questo saggio, che trattava della rappresentazione grafica delle proposizioni logiche, per la prima volta John Venn analizzò e canonizzò, ordinandola la consuetudine dell'utilizzo dei diagrammi per le rappresentazioni logiche, matematiche e filosofiche.

I migliori video del giorno

Tra i suoi molti lavori ricordiamo The Logic of Chance (1866), Symbolic Logic, (1888) e, opera scritta in collaborazione con il figlio, Alumni Cantabrigienses: A Biographical List of All Known Students, Graduates and Holders of Office at the University of Cambridge, from the Earliest Times to 1900. Non ci resta che ringraziare ancora una volta Google, per la sua capacità di valorizzare e far conoscere, grazie alle sue animazioni, personaggi che altrimenti rimarrebbero sconosciuti alla maggioranza delle persone.