A quasi due anni dalla morte di Chester Bennington, Mike Shinoda, intervistato da Rock Antenne, pensa al futuro dei Linkin Park e all'ipotesi di continuare con un nuovo cantante. Ma avvisa che non metterà annunci, perché, a suo avviso, se accadrà sarà in modo naturale.

Possibile nuovo vocalist

Sono ormai passati poco meno di due anni dalla scomparsa di Chester Bennington, e i Linkin Park sembrano attesi ad una prova molto difficile, sicuramente la più ardua della loro carriera, ovvero scegliere se sciogliersi definitivamente oppure trovare un nuovo vocalist per poter tornare a suonare e registrare.

Pubblicità
Pubblicità

Intervistato da Rock Antenne, Mike Shinoda ha voluto affrontare direttamente l'argomento.

I Linkin Park al momento hanno preso una pausa: Shinoda afferma che continua a vedere gli altri membri del gruppo, anche se separatamente ed è sicuro che presto torneranno a frequentarsi tutti quanti insieme. Secondo Mike, la band vorrebbe proseguire il cammino come Linkin Park ma ha spiegato che la situazione è piuttosto complessa. "Tutti noi vorremmo proseguire a fare musica e a suonare live e smettere sarebbe difficile.

Mike Shinoda non esclude la possibilità di un nuovo cantante
Mike Shinoda non esclude la possibilità di un nuovo cantante

Sarebbe impensabile per me" racconta Shinoda, che spiega anche come la sua voglia di fare musica lo abbia spinto a fare carriera come solista.

Il musicista è consapevole che gli altri membri della band vogliono proseguire, sia a fare concerti che a registrare in studio e prende in considerazione l'idea per un nuovo cantante: "Se per proseguire abbiamo bisogno di un altro ok allora, faremo così".

Il rispetto verso i fan

Altro punto cruciale toccato da Shinoda è quello del rispetto verso tutti i fan dei Linkin Park: a suo avviso molti vorrebbero continuare a vederli sul palco per ascoltare la loro musica e si aspetta che se ci sarà un concerto il loro supporto non mancherà.

Pubblicità

E proprio il loro supporto sarà decisivo per capire il futuro del gruppo.

Più che un sostituto, per Shinoda servirebbe una persona con cui poter riprendere il cammino: “Non è tra i miei obiettivi trovare un nuovo cantante, se deve accadere, che avvenga in modo naturale. Non ho la minima intenzione di mettere gli annunci per un cantante, credo sia un'idea terribile e veramente inopportuna".

Non chiude però definitivamente l'ipotesi di un nuovo membro: la condizione sarebbe quella di incontrare qualcuno davvero in gamba che si adatti allo stile dei Linkin Park.

Ma non vuole assolutamente cercare il rimpiazzo di Chester. In attesa del futuro del gruppo Shinoda è in tour col suo progetto solista e suonerà anche in Italia con due concerti: sarà a Milano il 14 marzo e a Padova il giorno seguente.

Clicca per leggere la news e guarda il video