Se il pianto inconsolabile del bambino piccolo ha messo in crisi centinaia di neo-genitori che cercavano di dare a questo segnale i più disparati significati, da oggi è possibile capire quale può esserne il significato attraverso una nuova applicazione che arriva da Taiwan: l'Infant Cries Translator.

Cosa è  l'Infant Cries Translator

 E' una nuova applicazione disponibile su dispositivi mobili come smartphone e tablet che permette ai genitori di capire perché il loro piccolo piange.

Pubblicità
Pubblicità

Ideata dal National Taiwan University, l'applicazione, disponibile su Google Play e su App Store, ha visto impegnati per circa due anni i ricercatori che hanno lavorato alla sua realizzazione. Al fine di creare l'applicazione gli scienziati hanno registrato per un lungo arco di tempo il pianto dei bambini per poi, grazie all'ausilio di un programma, riuscire a distinguerne le diverse tipologie e poterlo, quindi, interpretare.

Pubblicità

Utilità dell'applicazione

Infant Cries Translator è un'applicazione estremamente utile durante i primi mesi di vita del bambino in cui è molto difficile, non conoscendone ancora i segnali, capire cosa intende comunicare con il suo pianto. In pochi minuti, grazie a questa applicazione, i genitori saranno in grado di capire se il disagio del proprio piccolo nasce dalla fame, dal sonno, dal freddo o dal caldo, oppure se vi è l'esigenza di cambiargli il pannolino.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute Smartphone

Insomma, un'applicazione che, oltre a ridurre notevolmente le ansie dei genitori, permette di rispondere adeguatamente al disagio del bambino.

Affidabilità del nuovo programma

L'applicazione sembrerebbe essere altamente affidabile durante il primo mese di vita del neonato, mentre va a decrescere nei mesi successivi: è pari al 92% nel primo mese, al 85% nel secondo mese e al 77% nel terzo mese. Dal quarto mese in poi si va verso un livello di affidabilità incerto e, dal sesto mese, sarebbe consigliato non utilizzarlo. 

Ad ogni modo questo non dovrebbe spaventare i genitori che, al sesto mese del loro piccolo, dovrebbero conoscerlo già abbastanza per capirne, senza bisogno di applicazioni, il significato del pianto così da potergli fornire la risposta idonea alle sue necessità.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto