Se appena rientrati dalle ferie avete controllato la vostra mail e ne avete trovata una proveniente da agenzia.entrate@pec.it con oggetto 'Verifica Tributaria' non allarmatevi troppo: è, di nuovo, solamente un tentativo di phishing.

E' di queste ore la notizia di un nuovo tentativo di truffa ai danni delle imprese e dei cittadini. Pare infatti che stiano circolando mail aventi come mittente l'agenzia delle entrate con in allegato un file da compilare con i propri dati. L'ente mette quindi tutti in guardia, e fa sapere tramite un comunicato stampa datato 25 Agosto 2015 di essere totalmente estranea alla diffusione di tali messaggi.

Si raccomanda pertanto di cestinare ed eliminare la mail immediatamente, facendo molta attenzione a non aprire il file eseguibile (.exe) proposto in allegato, in quanto potenzialmente dannoso e che rischia di compromettere la sicurezza del proprio computer.

Cos'e' il 'phishing'

Si tratta di un nuovo tentativo di phishing, ossia una truffa sempre più diffusa su internet, tramite la quale si cerca di raggirare la vittima al fine di estorcere informazioni personali, dati finanziari o codici di accesso. Generalmente si diffonde attraverso l'invio massivo di messaggi di posta elettronica, simili per aspetto e contenuto a quelli che possono essere trasmessi da istituzioni note ai destinatari, tra i quali la propria banca, un sito al quale si è iscritti, o addirittura da un ente pubblico, come in questo caso.

I migliori video del giorno

Come difendersi da una truffa online

Assolutamente indispensabile è procedere al controllo dell'autenticità del sito. Ad esempio, se vi viene chiesto di inserire la vostra password, provate in prima battuta ad inserire quella sbagliata: se il sito la riconosce come errata, significa che è autentico e non imitato, e potrete perciò procedere con l'inserimento di quella giusta.

Inoltre, inviare una copia dell'email alle autorità competenti potrebbe essere davvero d'aiuto, in modo tale da permettere loro di prendere provvedimenti contro il sito contraffatto, e informare tempestivamente le possibili vittime.