L'euro debole aiuta le Borse e il Brent è sui massimi dal 2015. Prosegue il rally in Borsa con Rcs che guadagna quasi il 2,5% ed Enav che spicca il volo ritornando vicino a 3,39 Euro. Un inizio dell'anno con il botto per Piazza Affari che ha chiuso il 2016 perdendo il 10%. L'FTSE Mib, infatti, è prossimo ai 19.700 punti, nuovi massimi da metà gennaio 2016. Banco Bpm guadagna oltre il 9% che si aggiunge al +9% archiviato ieri, giorno del debutto in Borsa dopo la fusione tra Banco Popolare e Popolare Milano.

Il titolo è capofila di un ampio gruppo di banche che prova a recuperare il terreno perso lo scorso anno rispetto al comparto europeo, bene anche Fiat che, dopo i buoni dati sulle immatricolazioni in Italia a dicembre, guadagna oltre il 4%. Ancora sospeso il titolo Banca Mps in attesa di iniezione di capitale pubblico.

Se è merito dei dati positivi sulla disoccupazione che giungono dalla Germania oppure dalla crescita manifatturiera della Gran Bretagna non è dato saperlo, ma sembra che il 2017 sia iniziato con una ventata di ottimismo.

Anche le borse asiatiche hanno terminato la seduta di questa mattina con rialzi diffusi tra il +0,8% e +1,2%, tranne Tokyo che è rimasta chiusa per festività. Oggi invece riapre Wall Street che ieri è stata chiusa per festività.

Prospettive per l'economia italiana

Sono i segnali che l'economia italiana è ripartita? Vari istituti di ricerca stanno provando a descrivere cosa aspettarsi dal 2017, ne emerge un quadro cauto e ottimistico.

Secondo l'Istat, nel 2017, il Pil del Belpaese crescerà dello 0,9% e l'aumento dell'inflazione determinerà un incremento dell'1,1% dei consumi. Si prevede anche una ripresa dell'accumulo di capitali e quindi una crescita degli investimenti pari al +2,7%. Un altro dato importante è quello dei posti di lavoro. Trovare un'occupazione è la preoccupazione principale dei giovani e di una importante fetta della popolazione.

Anche su questo fronte ci sono buone notizie, il tasso di crescita potrebbe arrivare allo 0,6% facendo scendere la disoccupazione all'11,3%.

Segui la nostra pagina Facebook!