Con il bonus baby sitter possiamo retribuire i nostri parenti per accudire il nostro bimbo quando rientreremo al lavoro dalla maternità obbligatoria, si può fare appunto richiesta per parenti, che si occupano del bebè [VIDEO] quando i genitori sono al lavoro, tranne il padre, naturalmente escluso dal bonus perché per legge è un suo obbligo legale prendersi cura del proprio figlio, quindi il compenso non può essere ottenuto. Il bonus baby sitter viene erogato nel caso in cui la mamma rinunci alla maternità facoltativa, ossia quel periodo in cui ci si può astenere dal lavoro, oppure no, per occuparsi del bebè, quindi si necessita di una figura che si prenda cura del nostro piccolo.

Tale bonus viene dato a quattro categorie di mamme lavoratrici:

- imprenditrici autonome, iscritte alla gestione separata e non parasubordinate.

- dipendenti, sia del settore pubblico che di quello privato.

- libere professioniste, iscritte ad una gestione separata inps.

- lavoratrici parasubordinate.

Viene erogato un voucher di seicento euro per sei mesi, a differenza delle parasubordinate, che hanno diritto solo a tre mesi, con il quale si può pagare una baby sitter oppure un parente della madre o ancora un asilo nido dove verrà iscritto il bambino e dovrà essere una struttura accreditata all'Inps ai fini del bonus.

La richiesta va fatta online entro undici mesi dal termine della maternità obbligatoria, ossia tre/quattro mesi dopo il parto e per ora il termine per fare richiesta è fino al 31 dicembre 2018: nel sito dell'Inps si trova un modulo, bisogna andare nella sezione "concorsi e gare" e poi "avvis " e per finire su "proroga per erogazione voucher asilo nido alle mamme lavoratrici".

I migliori video del giorno

Naturalmente bisogna essere in possesso del codice pin fornito dell'ente stesso e del modello Isee dell' anno 2017, oppure ci si può rivolgere ad un patronato o un caf che si prenderà carico di inoltrare la domanda direttamente all'Inps.

Sono disponibili quaranta milioni di euro per il bonus baby sitter e le domande verranno accettate fino ad esaurimento dei fondi stanziati.