Il prezzo di Bitcoin ha avuto un andamento misto nella prima settimana dell'anno nuovo: ad esempio lunedì 8 gennaio 2018 il prezzo di BTC era sceso del 19% rispetto ai massimi del fine settimana, a quanto pare sull'onda delle notizie riguardanti gli intenti delle autorità di regolamentazione della Corea del Sud. Dunque la notizia che anche Facebook guarda con molto interesse a Bitcoin, criptovalute e blockchain non ha avuto molto impatto, forse perchè ormai le notizie riguardanti regolamentazioni e tasse su Bitcoin e cryptocurrencies in genere sono all'ordine del giorno: facciamo una breve sintesi di quanto sta accadendo in Estremo Oriente, probabilmente la zona dove l'uso delle criptomonete e la speculazione che ne deriva sono al massimo mondiale.

Bitcoin: la Corea del Sud alza la regolamentazione

Una dichiarazione congiunta della Commissione per i servizi finanziari (Financial Services Commission - FSC) e del Financial Supervisory Service (FSS) di Seul ha annunciato che le autorità sudcoreane stanno indagando su sei banche. Il presidente dell'FSC, Choi Jong-ku, ha dichiarato in una conferenza stampa che non si sospetta alcun illecito e che l'ispezione mira semplicemente a chiarire se le banche rispettino le norme antiriciclaggio e utilizzino nomi reali per i conti.

Questo perchè il mese scorso i regolamenti sono stati resi più severi e sono stati vietati i conti anonimi in criptomonete. "Bitcoin e le cryptocurrencies in genere non sono strumenti attualmente in grado di funzionare come mezzo di pagamento, vengono utilizzata per scopi illegali come riciclaggio di denaro, truffe e operazioni fraudolente degli investitori", ha dichiarato Choi. Tutte le banche in questione forniscono conti in valuta virtuale ai clienti che gestiscono e scambiano cripto-curcurrencies.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Bitcoin

La nuova legislazione sudcoreana consente inoltre alle autorità di Seul di chiudere gli exchange, anche se nessuno è stato ancora chiuso. Questo è potenzialmente molto grave, così come la notizia notturna che la Corea del Sud "approfondirà la cooperazione con le agenzie cinesi e giapponesi per frenare le transazioni speculative". Se questa tendenza repressiva si diffondesse anche in Giappone, il volume di scambi di Bitcoin subirà probabilmente un grosso colpo, ma non c' è nessun indizio per ora che il Paese del Sol Levante seguirà l'esempio del dirimpettaio coreano.

In effetti, il Giappone sembra andare nella direzione opposta: Bitcoin è stato reso a corso legale e molti scambi sono ufficialmente riconosciuti.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto