Ancora polemiche nell'ambito della riforma Pensioni, gli esodati cui sono stati liquidati gli assegni, stando all'INPS, sarebbero solo 33 mila su 162 mila: secondo il rapporto INPS quindi hanno ottenuto la liquidazione della pensione appena un quinto (circa) dei soggetti. Numeri che la dicono lunga su quanto sia ancora lontana, la riforma pensioni del Governo Letta, con i suoi piccoli interventi, dal risolvere la grande problematica degli esodati.

Sulla riforma pensioni le ultime notizie riportano anche le parole di Damiano che, sui numeri sopra citati, parla di "sproporzione", e aggiunge "abbiamo chiesto all’Inps un monitoraggio costante con una relazione trimestrale.

Intanto la commissione ha formulato una proposta che affronta in modo risolutivo il problema eliminando alcuni paletti della riforma e aggiustando alcune date. Viene così consentito a chi ha maturato i requisiti di andare in pensione con le regole precedenti alla riforma Fornero. A questo punto l’auspicio è che il governo ci metta le risorse necessarie". Belle parole ma quelle, a onor del vero, non sono mai mancate, il problema sono sempre stati i fatti.

Per quanto riguarda la riforma pensioni e gli esodati Laura Boldrini ha definito la loro situazione "una pesante ingiustizia sociale", e a parlato di proposta di legge in aula a marzo. Altra interessante presa di posizione, ma tutto, come al solito, si deciderà poi in Parlamento.

Intanto per i vari interventi di riforma pensioni del Governo Letta risultano sempre più minacciati da un possibile rivolgimento politico: sale la tensione tra Renzi e Letta, che si guadagno i titoli dei giornali l'uno pressando maggiormente sul Governo, l'altro rilanciando con un nuovo piano di interventi e puntando a rimanere in carica per il tempo necessario per le riforme, che potrebbe essere assai lungo.

Un'eventuale rivolgimento di Governo o una sua caduta potrebbero costituire un terremoto anche per quanto riguarda gli interventi di riforma pensioni: per il momento le tensioni non sfociano in guerra aperta, vedremo come si evolverà la situazione nelle prossime settimane.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!