Torniamo a parlare delle pensioni dei lavoratori precoci, con le ultime novità di oggi 6 luglio che non possono chiudere gli occhi difronte al trionfo del no al referendum in Grecia, contro cui aveva cercato di battersi anche lo stesso Matteo Renzi con un tweet datato 29 giugno, nel quale il Premier italiano aveva sottolineato: 'The point is: greek referendum won't be a derby EU Commission vs Tsipras, but euro vs dracma. This is the choice'. E la scelta del popolo ellenico è stata fin troppo chiara.

Pubblicità

Punto. 

Lavoratori precoci, novità oggi 6 luglio: cosa cambia dopo il referendum greco

L'esito del referendum in Grecia porterà conseguenze non solo sul tema delle pensioni precoci ma anche sulla riforma Pensioni 2015 del governo Renzi, dal momento che il voto greco è un voto contro le politiche d'austerità dell'Unione Europea e della Banca Centrale Europea. Dopotutto è significativo il fatto che oggi, a meno di 24 ore dal referendum, Matteo Renzi abbia convocato a Palazzo Chigi il ministro dell'Economia Padoan, con cui si confronterà per i prossimi passi che l'Italia dovrà compiere nell'immediato. Non sono ammessi nuovi errori da parte del Premier, che ormai ha visto perdere gran parte della fiducia che aveva conquistato nel 2014. I due parleranno verosimilmente anche di pensioni, uno dei temi più delicati su cui il governo è chiamato a pronunciarsi. In tal senso è doveroso ricordare che mercoledì 8 luglio il presidente dell'Inps presenterà il proprio piano alle Camere, dopo averlo fatto la settimana precedente in privato nei colloqui avuti con il capo del governo e i ministri Padoan e Poletti. L'oki ellenico potrebbe accelerare, di fatto, l'allontanamento di Boeri dall'Inps, progetto ventilato da Il Giornale nei giorni scorsi, con il professore della Bocconi che potrebbe essere sostituito da Cesare Damiano, anche se difronte a questa ipotesi i lavoratori precoci hanno espresso le proprie perplessità, dal momento che l'azione dell'esponente dem perderebbe di efficacia. E voi vorreste Damiano all'Inps? Per restare aggiornati sulle ultime evoluzioni cliccate Segui in alto a destra.