È stato presentato un emendamento alla Legge di Stabilità che farà certamente piacere a tutti quei pensionati che hanno lasciato il lavoro prima del primo gennaio 2015, ai quali è stata applicata una penalizzazione sugli assegni previdenziali perché non ancora 62enni. Infatti, l'emendamento di alcuni senatori del Partito Democratico, evidenzia la possibilità di cancellare la penalità di circa 25.000 assegni liquidati prima del 2015.

Penalità per le pensioni anticipate ante 2015

Ricordiamo che, attualmente, la penalizzazione è stata congelata per tutti i lavoratori che chiedono di andare in pensione sino al 31 dicembre 2017; questo provvedimento però si riferisce solamente a quelle persone che hanno chiesto la pensione anticipata a partire dal primo gennaio 2015.

In questo modo sono state congelate quelle penalità dell'1-2 percento applicate agli assegni previdenziali. Ora arriva questa modifica, sulla quale si dovrà pronunciare la Commissione Bilancio entro questa settimana. In definitiva, l'emendamento chiede di ripristinare le Pensioni senza penalità per tutti i fruitori che hanno lasciato il lavoro tra il 2012 e il 2014.

Emendamento presentato dal Partito Democratico

Secondo una stima pubblicata dall'Inps, il provvedimento andrebbe a favore di 21.257 donne e 4.110 uomini.

La senatrice D'Adda una delle firmatarie della modifica specifica che 'la misura in questione andrà a considerare le pensioni già liquidate alle quali sono state applicate le penalizzazioni. È giusto ricordare l'assurdità di questa norma'. La senatrice evidenzia che le spese previste per superare questa ingiustizia sono 'particolarmente risibili'. Vedremo nei prossimi giorni, se il governo Renzi deciderà di mettere mano a questa normativa, rivedendo la questione delle penalizzazioni ante 2015.

Se volete essere informati sulle novità relative alla riforma del sistema pensionistico italiano, cliccate sul tasto 'segui', all'inizio di questo articolo. Nel frattempo, potete scrivere un vostro commento nell'apposito spazio dedicato.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!