Le ultime news sulla riforma pensioni oggi 13 settembre parlano soprattutto dei risultati ottenuti dall'incontro tra sindacati e governo Renzi. Innanzitutto, si è giunti a una definizione più precisa del dispositivo di riforma chiamato 'APE': le penalizzazioni saranno piuttosto pesanti per chi deciderà di uscire anticipatamente e non si trova in condizioni di disagio economico, potranno raggiungere infatti anche il 25% (compresi gli interessi sul prestito). Se poi sulla quattordicesima si è arrivati all'accordo, l'unico elemento che è rimasto in sospeso riguarda i lavoratori precoci: l'intervento costa troppo secondo il governo, mentre i sindacati lanciano la loro proposta risolutiva della vertenza.

Le penalizzazioni APE: ultime news riforma pensioni oggi 13 settembre

Le ultime news riforma Pensioni parlano soprattutto delle conferme e delle novità arrivate intorno all'APE. Si tratta di un intervento previsto per i nati tra il 1950 e il 1954 e l'anticipo massimo può essere di 3 anni e 7 mesi. Un elemento nuovo riguarda il fatto che si tratterà di un dispositivo sperimentale e che, al momento, è stato stabilito soltanto per due anni. Il nodo più complesso e più critico riguarda le penalizzazioni: chi entra nelle categorie tutelate (disoccupati, disabili, inabili, coloro che fanno lavori 'gravosi') avrà un taglio massimo del 3% annuo che però si azzera se l'entità dell'assegno è inferiore ai 1500 euro lordi.

Chi non entra, invece, nelle categorie 'tutelate' va incontro a penalizzazioni più pesanti, fino al 5% annuo (dunque 15/18% per 3 anni e 7 mesi di anticipo) che sale fino al 25%, contando anche gli interessi per le banche e le assicurazioni. È chiaro, dunque, come l'APE possa avere un certo 'appeal' soltanto per chi si trova in una situazione di grave disagio.

Il nodo 'lavoratori precoci': ultime news riforma pensioni oggi 13 settembre

Secondo quanto riportato dalle news sulla riforma pensioni, l'incontro governo-sindacati si è 'bloccato' soltanto sulla questione dei lavoratori precoci, coloro che hanno iniziato a versare contributi da lavoro prima del raggiungimento del diciottesimo anno d'età. La richiesta dei sindacati è stata la seguente: un bonus di 2 mesi per ogni anno che si è lavorato prima della maggiore età.

Secondo il governo Renzi, questa tipologia di misura costerebbe troppo per le casse dello Stato: si parla di 600 milioni di euro e, al momento, viene considerata una cifra che difficilmente potrà essere impegnata. La proposta dei sindacati, comunque, è piuttosto lontana dalla richiesta dei comitati: la Quota 41, insomma, sembra essere al momento una proposta uscita di scena. Per aggiornamenti, cliccate su 'Segui' in alto sopra l'articolo.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!