Come di consueto vi aggiorniamo anche oggi 19 ottobre con le novità dell'ultima ora sulle Pensioni anticipate e per lavoratori precoci. In questo articolo parleremo del nuovo scontro tra INPS e parlamento sull'aspettativa di vita e della petizione per quota 41 per tutti che su change.org è vicina a raggiungere le quarantamila firme. Inoltre segnaliamo che il provvedimento chiamato ape volontaria è arrivato finalmente in Gazzetta ufficiale nella giornata di ieri. L'Iter per rendere la norma ufficiale è però ancora lungo e con ogni probabilità si dovrà aspettare ancora diversi mesi.

Ultime notizie Pensioni anticipate: scontro INPS- Parlamento su ADV e ultima ora

Sul tema delle pensioni anticipate, è tornato a parlare Tito Boeri, presidente dell' Istituto Nazionale di Previdenza Sociale e ha focalizzato la sua attenzione sul delicato tema dell'innalzamento dell'età pensionistica a causa dell'adeguamento all'aumento dell'aspettativa di vita. Boeri ha difeso questa misura spiegando che è utile per mantenerei i conti equilibrati e ha dichiarato "Sempre che a qualcuno non venga la sciagurata idea di intervenire.

Invito quelli che parlano di cifre a documentarsi maggiormente". Dal parlamento è arrivata prontamente la risposta di Cesare Damiano che in una nota ha risposto: "Suggeriremmo, a quelli che ‘fanno’ le cifre, di documentarsi meglio, anche perché altrimenti, come dimostrano i fatti, l’altalena dei numeri impedisce al Parlamento di svolgere correttamente il proprio lavoro" con riferimento ai numeri che riguardano gli Esodati.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Pensioni precoci e ultime notizie per quota 41: raccolta firme a 39mila

Intanto come ci è stato segnalato sulla pagina facebook 'Ultime Pensioni' in queste ore si è superato il numero di 39mila firme raccolte dalla petizione su change.org per andare in pensione con 41 anni di contributi e per discutere subito il DDL 857 fermo ormai da 4 anni alla Camera. Poche ore fa Carmen Reitano, fondatore della raccolta ha aggiornato su change.org la petizione spiegando che: "Sono passati otto mesi dal momento del lancio di questa petizione; un modo per ricordare ai nostri governanti che abbiamo diritto ad andare in pensione e che il nostro diritto è stato violato più volte.C'è bisogno ora di una accelerata perchè questo Governo ci ha fatto capire che non mollerà mai la presa dal loro bancomat preferito e quindi prima raggiungiamo le 50mila firme prima le consegneremo e prima potremo dire 'Abbiamo provato a cambiare le cose' oppure 'Siamo riusciti a cambiare le cose'.

Vi ricordiamo che se volete restare aggiornati con le novità dell'ultima ora sulle pensioni anticipate, su quota 41, sui precoci e su tutti i temi previdenziali potete cliccare segui in alto vicino al cognome Rodinò.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto