Dovrebbe essere quasi terminata l'attesa per la pubblicazione del bando di concorso straordinario per infanzia e primaria. Dal giorno 5 novembre 2018, infatti, dovrebbero essere disponibili su Istanze online le domande. Il concorso straordinario, com'è noto, non prevederà una prova scritta, ma soltanto una valutazione dei titoli posseduti e gli anni di servizio svolti, oltre, che una prova orale non selettiva di natura didattico-metodologica. I titoli valutabili avranno un peso sulla valutazione finale di un punteggio massimo di 20 punti e 50 per gli anni di servizio svolto, inoltre, massimo 30 punti andranno attribuiti alla prova orale (essa dovrebbe essere costituita da lezione simulata più colloquio). Vediamo nel dettaglio come possono essere valutati i titoli sulla base della tabella di ripartizione del punteggio dei titoli valutabili.

Pubblicità

Dettagli: tabella di ripartizione del punteggio dei titoli

La tabella risulta suddivisa in quattro tipologie A, B, C e D. Nella prima sezione, ovvero la tipologia A, è specificato come calcolare il punteggio del titolo di accesso al concorso (diploma, laurea SFP, diploma di specializzazione sul sostegno). Di particolare interesse è la tipologia B (seconda sezione), dove sono indicati i singoli punteggi dei titoli professionali, culturali e di servizio. Nel dettaglio potranno essere attribuiti 3 punti (probabilmente incrementati a 3,5 punti) a chi risulta già inserito nella graduatoria di merito di un precedente concorso ordinario.

Inoltre, potranno essere attribuiti ulteriori 2,5 punti a chi è in possesso di laurea costituente titolo d'accesso alle classi di concorso A-24 e A-25 per la lingua inglese. Saranno attribuiti sempre 2,5 punti per chi possiede diploma o laurea Isef costituente titolo di accesso alle classi di concorso per scienze motorie, oppure un diploma accademico di II livello o di conservatorio costituente titolo di accesso alle classi di concorso A-29, A-30, A-55 E A-56, per l'ambito musicale (si valuta un solo titolo).

Pubblicità

Cinque punti possono essere attribuiti ai candidati in possesso di dottorati di ricerca, abilitazione scientifica nazionale e simili. Le certificazioni linguistiche di livello C1 possono essere valutate con due punti, mentre quelle di livello C2 tre punti. Completa la tabella dei titoli valutabili la sezione C riferita alle pubblicazioni (un solo punto per ciascuna pubblicazione, e 0,20 punti per articoli inerenti la specifica classe di concorso) e la sezione D riferita ai titoli di servizio (sono attribuibili 5 punti per ogni anno di servizio, ricordando che il servizio prestato nelle sezioni primavera deve essere valutato secondo le normative vigenti).