Il Concorso straordinario docenti dovrebbe essere bandito nei primi mesi del 2020. Questo quanto dichiarato da Lorenzo Fioramonti, ministro dell'istruzione. Parallelamente, ci sarà anche il concorso ordinario. Esso avrà però dei test aggiuntivi e prevederà un numero maggiore di partecipanti.

Concorso straordinario per la scuola secondaria: bando nel 2020

Lorenzo Fioramonti ha avuto modo di parlare delle ultime novità del Concorso straordinario docenti in occasione di un incontro che si è tenuto a Roma, presso l'Università Luiss.

Il ministro ha reso noto che il documento è stato firmato dal presidente della Repubblica la settimana scorsa e che sarà dunque valido una volta pubblicato in Gazzetta Ufficiale, molto probabilmente ad inizio 2020. L'obiettivo è quello di velocizzare l'iter e, soprattutto, aumentare il numero dei docenti che entreranno finalmente in ruolo. Si stima che, a partire dal primo settembre prossimo, gli insegnanti con cattedra saranno 24 mila. Ok anche al concorso ordinario, sebbene necessiti di tempistiche più lunghe.

In particolare, i partecipanti dovranno sostenere delle prove aggiuntive. Inoltre, il numero dei candidati sarà maggiore rispetto al Concorso straordinario docenti. La platea si amplierà perché, per accedervi, non sarà obbligatoria l'abilitazione, essendo richiesto solo il titolo di studio specifico. Pur non sbilanciandosi sulle tempistiche, si ipotizza che tale concorso possa essere attivo non prima del 2021.

Requisiti di accesso per il Concorso straordinario docenti

Quali sono i requisiti per poter partecipare al Concorso tanto atteso? Come riporta Orizzonte Scuola, il candidato deve essere in possesso dei titoli di studio ammessi per la specifica classe concorsuale. Inoltre, si dovrà aver svolto tra gli anni scolastici 2011 e 2012 e 2018-2019 almeno tre annualità, consecutive o non (anche su sostegno).

In particolare, è richiesto che almeno una annualità sia stata espletata nella tipologia/classe concorsuale per la quale di intende partecipare. Servirà il diploma per gli ITP e specializzazione nel caso degli insegnanti di sostegno. Per controllare accuratamente che gli anni si servizio siano considerati validi, è utile consultare il Dec. numero 19 del 14/02/2016 del Presidente della Repubblica ed eventuali modifiche seguenti. Possono infine partecipare al Concorso straordinario docenti gli insegnanti delle paritarie con medesimi requisiti. In questo caso specifico però, i candidati concorreranno esclusivamente per ottenere l'abilitazione.

Si attende dunque la pubblicazione ufficiale in Gazzetta.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!