Il viceministro ai Trasporti, Riccardo Nencini lo ha affermato: il Documento Unico di circolazione diverrà realtà così l'automobilista avrà un solo documento per l'auto al posto dei due attuali, il Libretto di Circolazione, rilasciato dalla Motorizzazione e il Certificato di Proprietà, rilasciato dal PRA (il Pubblico registro Automobilistico, gestito dall’ACI).

Dichiarazione che si pone l'obiettivo da un lato di semplificare la burocrazia per quanto riguarda l'immatricolazione e la compravendita di auto, mentre dall'altro di eliminare quella che è una "stranezza " tutta "made in Italy" e cioè la necessità sia di avere il libretto di circolazione emesso dalla Motorizzazione, l'unico documento valido per la circolazione dei veicoli in tutti i Paesi, che di iscrivere il veicolo al PRA affinchè l'intestatario del veicolo ne diventi anche proprietario.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Ford

Il documento unico di circolazione quindi eliminerà i due sopracitati documenti, e di conseguenza attesterà contemporaneamente, sia la proprietà che le caratteristiche del veicolo.

E il beneficio per l’automobilista? Dovrebbe garantire un (piccolo) risparmio grazie all’eliminazione di due bolli, sui quattro che attualmente si pagano, pari a € 32,00 insieme alla riduzione della tariffa PRA che passa da 27 a 20 euro, per un risparmio totale di € 39,00. Quindi per l’immatricolazione di un’auto nuova o per passaggio di proprietà di una usata, l’automobilista spenderà €62,00 in luogo di €101,00 attuali.

Per ora si resta nel campo delle ipotesi, la stessa Agenzia per il Trasporto stradale (dovrebbe accorpare e sostituire il PRA) che si occuperà di tutti i rapporti con cittadini e imprese relativi a iscrizione, rinnovo, trasferimenti dei passaggi di proprietà, fermi amministrativi, rinnovo patenti, riscossione dell’IPT, omologazione veicoli, sotto la vigilanza del Ministero delle infrastrutture e dei Trasporti, resta per ora solo una proposta...

I migliori video del giorno

e intanto gli automobilisti attendono che tutti questi annunci diventino realtà, quando? Certamente non a breve.