Non si spengono le polemiche legate al provvedimento adottato dal #Governo Renzi in relazione al salvataggio di quattro banche italiane (Banca Etruria, Banca Marche, CariChieti e CariFerrara), da cui sono scaturite conseguenze disastrose per alcuni clienti di questi istituti, che possedevano obbligazioni subordinate e il cui valore è stato completamente azzerato a seguito del salvataggio.

Successivamente a questo sono arrivate proteste da più fronti, con i risparmiatori rimasti beffati che hanno espresso tutta la loro indignazione e rabbia per quanto accaduto, con proteste accese a Roma contro il Governo, reo di non averli tutelati; e rivolgendosi soprattutto a Maria Elena Boschi, chiedendo (probabilmente in maniera retorica) se il padre del ministro, in precedenza vicepresidente di una di queste banche, avesse perso gli stessi soldi.

Boschi: 'Dal Governo nessun favoritismo a mio padre'

Così, in virtù di tutte queste polemiche, legate anche al tragico fatto che ha visto un pensionato di Civitavecchia suicidarsi dopo aver perso tutti i suoi risparmi in questa vicenda, la Boschi, durante una conferenza di presentazione di un libro di Bruno Vespa, ha puntualizzato: "In una di queste banche mio padre è stato vicepresidente per otto mesi, ma il nostro Governo di sicuro non ha fatto favoritismi, non fa leggi personali. Io conosco mio padre, è una persona perbene, sento disagio e senso di colpa verso di lui".

'Abbiamo tutelato migliaia di correntisti'

Il ministro Boschi poi spiega l'operato del Governo usando queste parole: "Da un punto di vista politico non provo disagio, il Governo ha fatto tutto il possibile per salvare le quattro banche e tutelare le migliaia di correntisti nel quadro di norme che abbiamo".

I migliori video del giorno

Dunque il ministro ritiene corretto l'operato del suo esecutivo e, quando Vespa chiede come mai viene dipinta come un esponente duro, risponde: "Non sono più dura di Renzi, le scelte tra noi sono condivise, non è mai capitato che lui volesse cedere e io glielo impedissi, ma alcune volte bisogna dire di no".

Ecco il video che racchiude le dichiarazioni del ministro:

#Matteo Renzi