Roma: la prima casa popolare assegnata ad una famiglia rom grazie ad un atto della giunta Alemanno del 2012. Al gruppo familiare, che ha a carico una persona con disabilità, è stato riconosciuto un risultato alto nella graduatoria per gli alloggi pubblici. Ora possono lasciare la loro "casa" in uno dei campi rom autorizzati nella Capitale ed entrare in un appartamento che verrà indicato dal Comune. Tutto questo grazie ad un bando emesso nel 2012 dalla giunta dell'ex sindaco Alemanno, che prevedeva un " punteggio consistente per chi si trovava in una condizione abitativa disagiata".  La famiglia rom è composta da persone comunitarie, il padre fa lavori modesti, i figli frequentano la scuola ed uno di loro inizierà il servizio civile in una cooperativa sociale operante nella Capitale.

Questa notizia farà molto discutere in città e nel Paese, anche e soprattutto dopo le aspre polemiche avute nei scorsi giorni e settimane, soprattutto in seguito all'incidente mortale avvenuto a Battistini-Primavalle (Roma), nel quale fu uccisa una donna filippina da un auto guidata da un minorenne di etnia rom.  

Una discussione che speriamo parta dai dati reali riguardo la presenza di persone di etnia Rom in Italia e nella Capitale. Elenchiamone alcuni: In Italia sono presenti circa 180 mila rom, 70mila italiani e 110mila provenienti dai paesi dei Balcani e Romania. La metà è costituita da minorenni nati e cresciuti nel Belpaese. Solamente 40mila rom abitano in campi autorizzati o abusivi. A Roma ci sono circa 10mila persone di etnia rom, 7mila in strutture riconosciute, il resto in campi abusivi.

I migliori video del giorno

 Infine speriamo che le argomentazioni dei vari interlocutori vertano sull'emergenza abitativa presente a Roma, sulla mancanza di alloggi popolari. Nella Capitale negli ultimi anni sono state rese possibili interventi edilizi più vicini alla speculazione edilizia che all'utilità sociale. 

P.s. Non è la prima assegnazione di un alloggio popolare ad una famiglia rom in assoluto. Questa attribuzione è la prima determinata dal bando della giunta Alemanno del 2012. #Cronaca Roma