Degli studiosi americani hanno scoperto che nel plasma ci sono degli specifici biomarcatori in grado di dirci se si è a rischio di Tumore al seno. In particolar modo la ricerca è stata effettuata su donne che volevano vedere se avevano o meno il cancro al seno.

La scoperta

Gli scienziati della Purdue University di West Lafayette, hanno scoperto che nel nostro sangue esistono delle proteine chiamate "fosforilate", in grado di diagnosticare il cancro.

I ricercatori si sono soffermati più precisamente nello studio della ricerca del cancro al seno, anche se stanno continuando i loro studi anche per gli altri tipi di carcinomi.

Il professor Andy Tao è stato lo scienziato coordinatore dello studio e ha dichiarato che era già da qualche tempo a conoscenza che quel tipo di proteine svolgessero un ruolo da biomarcatore ma che si doveva cercare attentamente un metodo che rendesse l'analisi più semplice, visto che veniva reso difficile dal rilascio dell'enzima fosfatasi del fegato.

Inizialmente hanno cercato di separare il plasma dai globuli rossi e successivamente, grazie a delle centrifughe ad alta velocità, hanno isolato microvescicole ed esosoni contenenti le famose fosfoproteine.

Una grande novità

La scoperta è stata definita dal mondo scientifico come sensazionale visto che aprirebbe le porte alle diagnosi precoci attraverso dei semplicissimi esami del sangue che tutti possono effettuare ed è di grande aiuto per tutte quelle persone che hanno avuto già il cancro e che in questo modo, potranno monitorizzare costantemente la loro condizione di Salute.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute

Fino ad oggi infatti, i medici dovevano aspettare un ritorno del cancro per il miglioramento dei pazienti dopo il trattamento.

Attualmente il team del professor Tao sta svolgendo ricerche complesse per cercare di scoprire tutti i modelli di fosfoproteine in grado di identificare tutti i tipi di cancro; è un progetto complicato ed ambizioso che se si rilevasse positivo, aiuterebbe la ricerca contro il cancro per la prevenzione della malattia in maniera efficace.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto