Decantata, elogiata da più parti, la "nostra" dieta mediterranea è realmente quanto di meglio si possa scegliere per mantenerci in salute e vivere più a lungo. La Dieta Mediterranea è il modello nutrizionale che si ispira al tipo di alimentazione originaria (prima cioè dell'avvento del cibo spazzatura, preconfezionato, industriale, avvenuto con il boom economico dopo gli anni '50) diffusa tra i Paesi che si affacciano sul Mar Mediterraneo. Quindi non solo Italia, ma anche Spagna, Grecia, Marocco, etc., condividono con orgoglio quello che è considerato dall'UNESCO un bene protetto che figura nella lista dei patrimoni orali e immateriali dell'umanità dal 2010. Un nuovo studio britannico, come riportato sul sito In a Bottle, offre ulteriori conferme sui benefici della Dieta Mediterranea.

La dieta Mediterranea mantiene il DNA giovane e sano

I ricercatori dell'Università di Exeter, in Gran Bretagna, hanno seguito per ben 10 anni lo stato di salute di circa 5.000 persone. Dai dati raccolti si è potuto constatare che coloro che aderivano ad un modello alimentare vicino a quello della Dieta Mediterranea presentavano un DNA più giovane e sano. Come è noto la lunghezza dei telomeri, la regione terminale dei cromosomi composta da DNA altamente ripetuto, che protegge l'estremità del cromosoma stesso dal deterioramento o dalla fusione con cromosomi confinanti, formando una sorta di 'cappuccio protettivo', è correlata all'invecchiamento cellulare e a numerose patologie legate all'età.

Dallo studio in questione è emerso che chi si nutre seguendo le regole della Dieta Mediterranea presenta in media telomeri più lunghi, risultando dunque più protetto da invecchiamento genetico e malattie a carico del DNA.

Dieta Mediterranea, cosa mangiare: piramide alimentare

Il concetto di "Dieta mediterranea" è piuttosto recente e deve il suo inquadramento ad un ricercatore americano, tale Ancel Keys, che, durante un soggiorno in Campania negli anni '60, rimase affascinato dal temperamento, l'ottimo stato di salute e la longevità dei contadini campani.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Corretta Alimentazione

Con straordinaria intuizione attribuì simili caratteristiche al tipo di alimentazione da essi seguita. Tuttavia la nuova piramide alimentare è frutto di quelle che sono le attuali conoscenze scientifiche in campo alimentare. Ad esempio, il ruolo dei grassi è stato nel tempo rivalutato, non risultando più collocati indistintamente in cima, tra gli alimenti da evitare: olio d'oliva e grassi vegetali risultano alla base, subito dopo l'acqua, e vanno consumati giornalmente; l'acqua stessa è considerata un alimento, anzi l'alimento più importante ed essenziale.

Come confermato da Laura Rossi, esperta del Centro di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (Crea), "l'idratazione ha conquistato negli anni un posto di rilievo all'interno delle piramidi alimentari sviluppate a ogni livello, e l'acqua è elemento essenziale per un corretto stile alimentare, tanto da essere riportata come alimento essenziale nei livelli di assunzione raccomandati di energia e nutrienti". Anche i carboidrati non sono tutti uguali: secondo le attuali conoscenze vi è una netta distinzione tra cereali integrali, da consumarsi giornalmente e quelli raffinati (pane, pasta e riso) che non occupano più il posto d'onore di un tempo.

Le percentuali delle calorie nella Dieta Mediterranea vengono così distribuite: 55-60% carboidrati; 13-15% proteine; 27-30% grassi. Altri aspetti che completano il concetto di Corretta alimentazione e stile di vita, rientrano oggi nella nuova piramide alimentare, che prevede dunque (in ordine d'importanza) il consumo di:

  • Acqua, almeno un litro e mezzo al giorno o più, secondo le esigenze, condizioni climatiche, livelli di attività fisica e sudorazione; svolgere attività fisica; controllare il peso;
  • Giornalmente abbondanti porzioni di frutta, verdura (almeno 5 porzioni al giorno), 1-2 porzioni di cereali integrali, grassi vegetali "sani", olio d'oliva in testa; utilizzare aromi e spezie per condire;
  • Frutta secca e noci 1-2 porzioni (20 g circa) al giorno; legumi (almeno 2 porzioni a settimana); tofu; integratori specifici secondo esigenze personali; pesce e crostacei (circa 1-2 porzioni a settimana); pollame (1-2 porzioni a settimana); uova (2-4 porzioni a settimana);
  • Latticini, 1-2 porzioni al giorno (30 g) o prodotti vegani alternativi fortificati con calcio e vitamina D; bere alcol con moderazione, ricordando che non è adatto a tutti, men che meno ai bambini e adolescenti: secondo le linee guida IRAN se ne dovrebbero assumere non più 2-3 Unità Alcoliche giornaliere per l’uomo, 1-2 Unità Alcoliche per la donna e 1 Unità Alcolica per l’anziano, corrispondenti a 125 ml di vino, 330 ml di birra o 40 ml di superalcolico;
  • In cima alla piramide alimentare ritroviamo tutti gli alimenti che andrebbero limitati o assunti solo occasionalmente: carni rosse, burro, cereali raffinati (pane, pasta, riso), patate, bevande gassate, dolci, sale.
Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto