Nel corso della puntata di Report del 16 dicembre, il programma condotto da Sigfrido Ranucci ha affrontato il tema della provenienza e della qualità del pesce che arriva sulle nostre tavole e ha spiegato cosa si cela dietro le differenze di prezzo tra il pesce allevato e quello pescato in mare. Un'inchiesta che è stata portata avanti per analizzare se effettivamente l'Italia rispetta le direttive europee in materia di tracciabilità del pesce e soprattutto capire cosa si nasconde dietro un prezzo più basso di un pesce rispetto ad un altro della stessa specie.

Pesce allevato e pesce pescato in mare

Nel 2017 gli Italiani, che risultano essere i maggiori consumatori di pesce in Europa, hanno mangiato circa 30 kg di pesce a testa. Questo vuol dire che la domanda di pesce ha superato di gran lunga quella che è l'offerta, così per mantenere attivo il mercato si è fatto sempre più ricorso all'allevamento massivo di pesce.

Sebbene i governi di tutto il mondo, compreso il nostro, abbiano obbligato la grande distribuzione e anche i piccoli venditori di pesce, come le pescherie e gli ambulanti, a munire il pesce in vendita di appositi cartelli riportanti informazioni come la provenienza, la caratteristica di essere fresco o decongelato o surgelato, se pescato o di allevamento, oggi la situazione non è poi così trasparente.

È bene sapere che tutte le tipologie di pesce sono sotto inchiesta: il servizio parte dai banchi delle pescherie piccole e della grande distribuzione, dove il colore del pesce esposto dice tanto sulla sua freschezza. Ma il vero inganno ci sta una volta sventrata un'orata, per esempio: nel servizio di Report dall'analisi dell'orata allevata e proveniente dalla Grecia si nota un'eccessiva presenza di grasso nel ventre del pesce.

Al contrario, in un'orata pescata in mare aperto in Italia non vi è alcuna traccia di grassi. Il motivo sta nella differenza di alimentazione: se i pesci di mare si nutrono principalmente di altri pesci e raggiungono i 400 grammi in circa due anni e mezzo, quelli di allevamento impiegano solo 14 mesi. Questo avviene perché vengono nutriti con mangimi contenenti il 16% di grassi, che sono anche di bassa qualità se confrontati con un'alimentazione naturale in mare.

Il persico africano avvelenato del Lago Vittoria

Un'altra verità sconvolgente portata alla luce dall'inchiesta di Report è quella del pesce persico africano, uno dei pesci meno costosi presenti sui banchi pescheria. Il motivo di questo costo così ridotto è legato a diversi fattori, come il basso costo della manodopera e i metodi di allevamento.

È proprio questo secondo aspetto ad essere analizzato maggiormente: grazie all'inviato di Report ciò che emerge è preoccupante perché il Lago Vittoria in Africa è uno dei laghi più inquinati al mondo. Nelle sue acque defluiscono non solo i rifiuti chimici delle numerose miniere di oro presenti nei dintorni, ma anche le acque nere delle città circostanti, ma soprattutto si deve sapere che per pescare quanto più pesce possibile i pescatori versano veleno di notte per raccogliere l'indomani mattina i pesci morti saliti a galla.

Tutte queste sostanze nocive, come antiossidanti, sostanze chimiche, veleni di ogni tipo, entrano nel nostro organismo tramite ciò che mangiamo e anche l'uso massivo di antibiotici per combattere le malattie nei pesci finiscono per sviluppare nell'organismo umano una resistenza agli antibiotici stessi.

Segui la pagina Salute
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!