Calcolo Mini Imu 2014 per tutti Comuni che hanno aumentato le aliquote della vecchia tassa sugli immobili, per quanto riguarda la prima casa

La scadenza del pagamento della cosiddetta Mini Imu 2014, ossia della integrazione della odiata tassa sulla casa, che i residenti in molti comuni italiani dovranno pagare, è stata prorogata al 24 gennaio, ma non a tutti è ancora ben chiaro l'importo che realmente si dovrà corrispondere all'erario.

Il calcolo dell'importo della Mini Imu 2014 è in realtà piuttosto semplice: in pratica, i residenti nei numerosi comuni italiani che hanno aumentato la aliquota della vecchia Imu per i proprietari di prima casa, dovranno corrispondere alle casse del proprio municipio il 40% della differenza tra la nuova aliquota e la precedente, che era fissata al 4 per mille; il rimanente 60% sarà versato direttamente dallo Stato ai Comuni.

Forniamo un esempio pratico di calcolo della Mini Imu 2014: nel Comune di Milano, i cui amministratori hanno elevato l'aliquota della vecchia Imu dal 4% al 6 %, i contribuenti dovranno versare nelle casse comunali il 40% del 2 per mille, ossia della differenza tra la vecchia e la nuova aliquota; in pratica ciò che i possessori di prima casa nel Comune di Milano dovranno pagare sarà esattamente lo 0,8 per mille, mentre l'1,2 per mille verrà versato dallo Stato al Comune di Milano.

Il ragionamento naturalmente vale per tutti i Comuni che hanno aumentato la aliquota dell'Imu, anche se la hanno portata ad un valore diverso rispetto a quello massimo del 6 per mille dell'esempio citato.