Mini Imu, calcolo 2013-2014 prima casa, quanto e come pagare: vista la scadenza imminente e l'attuale confusione di molti contribuenti, riportiamo di seguito qualche delucidazione su calcoli e modalità di pagamento relativi alla Mini Imu 2013-2014.

Che cosa s'intende per Mini Imu? L'Imu è stata effettivamente abolita dal Governo Letta in attesa della nuova tassa sui servizi comunali che la sostituirà definitivamente. Il Governo ha però confermato che non si pagherà solo laddove i comuni si sono attenuti all'aliquota standard fissata al 4 per mille. I cittadini di tutti i comuni che invece hanno applicato delle maggiorazioni, portando l'aliquota fino ad un massimo del 6 per mille, saranno tenuti a pagare il 40% della differenza.

Molti sono i comuni che hanno applicato le maggiorazioni all'aliquota standard, per comprendere se è necessario versare la Mini Imu 2013-2014 per la prima casa si potrà accedere al sito internet del proprio comune di residenza oppure rivolgersi direttamente ai Caf per chiedere maggiori informazioni.

Sono parecchi i capoluoghi di provincia in cui l'aliquota ha raggiunto il valore massimo del 6 per mille come Milano, Frosinone, Parma, Perugia, Piacenza, Napoli, Rieti, Ancona. Aliquota al 5 per mille nei comuni di Roma, Bologna e Verona,Aliquota sopra il 4 per mille ma intermedie ad Avellino, Foggia, Terni in cui i comuni hanno deliberato il 5,5 per mille, a Torino 5,75, a Teramo 4,6, a Genova 5,8.

Il calcolo sulla Mini Imu 2013-2014 sembra complesso ma in realtà è costituito da semplici passaggi, per prima cosa bisogna applicare l'aliquota stabilita dal comune di residenza alla rendita catastale moltiplicata per 168, poi bisogna sottrarre la detrazione di 200 euro.

I migliori video del giorno

Poi si deve ripetere lo stesso calcolo applicando l'aliquota base del 4 per mille. Infine si deve fare la differenza tra i due valori, il contribuente sarà infatti chiamato a versare nella Mini Imu 2013-2014 il valore pari al 40% della differenza.

La scadenza per pagare la Mini Imu è fissata al 24 gennaio, il versamento si può effettuare utilizzando il modello F24 oppure il bollettino postale previsto per i pagamenti Imu ordinari.