L'Agenzia delle Entrate, attraverso la diffusione di una seconda circolare, chiarisce che il "Bonus #Irpef" degli ottanta euro al mese in busta paga, scatta anche per chi percepisce sussidi indirizzati in sostegno del reddito. Potranno dunque beneficiare di questa somma i lavoratori in cassa integrazione guadagni, coloro che percepiscono sussidi di disoccupazione, o indennità di mobilità, in quanto tale somme sono equiparate ai redditi da lavoro dipendente.



L'aumento in busta paga di 80 euro è stato voluto dal governo Renzi per premiare i lavoratori dipendenti ed assimilati che percepiscono un reddito annuale che va da 8mila a 26mila euro.

Riceveranno "il bonus" anche coloro che lavorano part-time a agli eredi di persone decedute nei primi mesi di quest'anno. 

Agenzia delle Entrate, bonus irpef 80 euro, Renzi: 'Una misura anticiclica che durerà un bel po'.

Il bonus degli 80 euro sono "una misura anticiclica" che "resterà per sempre", ha dichiarato il premier Matteo Renzi, che ha poi aggiunto che il prossimo anno, passando dalla legge di Stabilità, tale misura sarà persino estesa ai possessori di partite Iva, ai pensionati e agli incapienti.

Agenzia delle Entrate, bonus irpef 80 euro, Il Fatto quotidiano: 'Assist al presidente"

A dieci giorni dall'appuntamento con le urne per le elezioni europee, dall'Agenzia delle Entrate arriva un assist al presidente del Consiglio Matteo Renzi. È quanto scrive il FattoQuotidiano. Oggetto, il bonus di 80 euro che arriverà nelle busta paga a fine maggio. Ebbene, il credito fiscale - chiariscono in una circolare applicativa le Entrate - è da considerarsi 'automatico' non solo per chi ha un posto di lavoro ma pure per i disoccupati che percepiscono un'indennità.