La IUC 2014 è una tassa con una triplice "faccia": oltre all'Imu, troviamo da un lato la Tasi 2014, tassa sui servizi indivisibili, dall'altro l'altrettanto famosa Tari 2014, le scadenze della tassa sui rifiuti, nuova incarnazione della Tares, potrebbero essere le medesime della Tasi, per cui c'è il pericolo che entro il 16 luglio si compia un prelievo fiscale che potrebbe turbare i sonni dei contribuenti.

Tari 2014: scadenze

Come ben sapranno tutti i contribuenti, la Legge di Stabilità 2014 ha decretato che i Comuni possono decidere il prelievo o in un'unica soluzione o in due soluzioni, una "estiva" e una entro dicembre.

In tutte le località per le quali è stata predisposta la doppia rata e sono state determinate le aliquote e le eventuali detrazioni per la Tasi, potrebbe arrivare anche la Tari 2014.

Tari 2014: chi deve pagare

A pagare la tassa sui rifiuti, la Tari 2014, saranno queste categorie di contribuenti:

  • proprietari di immobili
  • inquilini di residenze private
  • titolari di imprese commerciali e industriali (compresi negozi, ristoranti, locali notturni)

Tari 2014: come si calcola, aliquote e detrazioni

Ma come si calcola l'imponibile della Tari 2014? Come tutti i contribuenti ben sapranno la Tari è la nuova incarnazione della Tares, quest'ultima introdotta a suo tempo dal governo Monti. Il meccanismo di calcolo dell'imponibile della Tari 2014 risulta essere il medesimo della Tares: il coefficiente di produzione di rifiuti si calcola sulla base della metratura effettiva dell'immobile.

I migliori video del giorno

Ad essere escluse dal calcolo sono le aree circostanti l'immobile come ad esempio i giardini.

Un'altra questione riguarda aliquote e detrazioni. Come per la Tasi anche per la Tari 2014 saranno i Comuni a decidere le aliquote da applicare a partire dai valori catastali degli immobili. In più c'è anche la questione delle detrazioni, anche su questa materia sono le Amministrazioni Comunali a prendere le decisioni. I casi che possono essere soggetti a detrazioni sono i seguenti:

  • immobili con unico occupante
  • immobili a disposizione per uso stagionale o altra forma di uso limitato e discontinuo
  • immobili, differenti dalle abitazioni, e le aree scoperte adibite a uso stagionale e a uso non continuativo, seppur ricorrente
  • immobili occupati da soggetti che risiedono o hanno dimora, per un periodo maggiore di 6 mesi all'anno, all'estero
  • fabbricati rurali adibiti ad uso abitativo

Tari 2014: come si paga, il modello F24

Differentemente dalla Tasi, per la Tari 2014 è previsto l'invio a casa del bollettino. Qualora ciò non dovesse avvenire è sempre possibile utilizzare il "solito" modello F24.