Quanto si paga di #Tasi per un negozio con categoria catastale C/1? E come si calcola? L'importo del tributo è calcolato con la stessa modalità della somma da corrispondere per la prima o seconda casa, utilizzando i differenti coefficienti in relazione all'immobile e determinando la base imponibile tramite la rendita catastale dell'immobile adibito a negozio o bottega. Al momento il tributo è scaduto, per cui è necessario effettuare il versamento Tasi tramite l'istituto del ravvedimento operoso. Si ricorda che la somma totale della Tasi può essere dilazionata in due rate, salvo regolarizzazione della prima rata.

Tasi per negozio o bottega C/1: quanto si paga?

Il pagamento della Tasi 2014 per negozi, botteghe adibite ad attività commerciali è obbligatorio. L'intero importo deve essere versato in due rate con rispettiva scadenza 16 ottobre e 16 dicembre. Al momento i termini previsti per il versamento della prima rata sono scaduti, ma è possibile regolarizzare il pagamento con il ravvedimento operoso, aggiungendo sanzione e interessi maturati dal giorno successivo la scadenza al giorno dell'effettivo versamento. Intanto è importante conoscere come si calcola l'importo Tasi 2014 per un negozio con categoria catastale C/1.



Si parte dalla rendita catastale dell'immobile, in questo caso un negozio o una bottega, un'attività commerciale, rivalutata del 5% e di seguito si moltiplica il valore per i coefficienti stabiliti dalla legge: 55 per la categoria catastale in oggetto di calcolo Tasi. Alla somma calcolata in questo modo deve essere aggiunta la sanzione dello 0,2% al giorno se si paga entro il 14esimo giorno dopo la scadenza; 3% entro il 30esimo giorno; 3,75 oltre il 30esimo giorno, in aggiunta al tasso di interessi legale pari all'1%. L'importo del tributo potrà essere versato tramite il modello F24, indicando il codice tributo 3961. Per comprendere meglio come calcolare l'importo da versare per il pagamento della Tasi 2014 per un negozio o bottega (C/1), si osservi l'esempio seguente: (es. aliquota dello 0,8 per mille, ma variabile per Comune)



  • Rendita negozio o bottega C/1 = 6.000 euro
  • Coefficiente per negozio o bottega C/1 = 55
  • Calcolo base imponibile: 6.000 × 105% × 55 = 346.500 euro.
  • Tasi 2014 = 346.500 × 0,8 per mille = 277,2 ÷ 2 = 138,60 euro
L'importo Tasi dovuto è di 138,60 da versare in due rate. Si ricorda a tal proposito che anche chi è in affitto, con contratto superiore ai sei mesi, deve pagare la Tasi: al momento si deve corrispondere la prima rata con ravvedimento operoso per regolarizzare il pagamento in vista della seconda rata che deve essere corrisposta entro il 16 dicembre. Chi dimentica di pagare parzialmente o totalmente il tributo incorre nella maggiorazione del 30% della somma dovuta. In questo caso, alla somma di 138,60 euro, deve essere aggiunta una sanzione del 3%, per esempio, per un ritardo di 15 giorni, più l'1% degli interessi. La somma deve essere comunque dilazionate in due rate, per cui il primo importo su cui devono essere aggiunti sanzione è interessi è pari a 69,30 euro.

#imu