Equitalia chiuderà entro 6 mesi. Matteo Renzi ha annunciato che entro la prossima primavera Equitalia sarà per gli italiani solo un brutto ricordo. La notizia ha suscitato leciti entusiasmi in tutti i contribuenti che, però, dovranno fare attenzione al reale significato del cambiamento che non vorrà dire, per i cittadini in difetto, la rottamazione delle cartelle esattoriali.

Cosa cambierà per chi non ha pagato le tasse

Chi non ha pagato le tasse dovrà mettersi in regola comunque, approfittando però di un tentativo di conciliazione che gli verrà offerto dall’ente preposto alla riscossione. Di sicuro cambierà l’attuale metodo di Equitalia e della lievitazione delle cartelle esattoriali e le loro esorbitanti more ed interessi.

Il premier Renzi, con la rottamazione delle vecchie cartelle esattoriali, vorrebbe far rientrare nelle casse dello Stato circa 4 miliardi di euro auspicando un’adesione volontaria da parte dei contribuenti non in regola ai quali saranno tolti gli interessi e le more sulle tasse da loro dovute allo Stato, che non sarà, comunque, una sanatoria per chi ha evaso finora.

Cartelle di Equitalia: sanzioni amministrative e more annullate, ecco le novità

Le novità sullo stop della riscossione, da parte di Equitali,a delle sanzioni amministrative e delle relative more accumulate non vuol dire che al contribuente italiano viene eliminato l’obbligo di provvedere al pagamento delle tasse e delle multe in sospeso. La loro riscossione, infatti, subirà un semplice passaggio da Equitalia all’agenzia delle entrate.

I migliori video del giorno

In pratica le funzioni che prima erano affidate ai due enti (Equitalia aveva il compito di riscuotere e l’Agenzia delle entrate quello di sorvegliare ed eventualmente  sanzionare) ora saranno tutte convogliate all’Agenzia delle entrate. Il nuovo meccanismo di riscossione delle tasse dovrebbe prevedere, tra l’altro, l’ invio di un sms di avviso sul cellulare quando il contribuente omette o dimentica di pagare una tassa. In pratica, un sistema più soft e più umano per andare incontro al cittadino.